Rieti, gli appuntamenti del weekend in città e in tutto il Reatino

Disegno Nicoletti - Rinaldi
7 Minuti di Lettura
Sabato 25 Settembre 2021, 00:10

RIETI - Gli appuntamenti del fine settimana in tutto il Reatino.

Gran finale in Sabina per “Sentieri in cammino” e il “Jazz Guitar Award”, con gli ultimi appuntamenti delle due rassegne. Oggi si conclude la “Sentieri in Cammino” con lo spettacolo “Recitando Musicando” al teatro di Poggio Moiano. Dopo 23 spettacoli in 9 comuni della Sabina, (Poggio Moiano, Casaprota, Frasso Sabino, Monteleone Sabino, Montenero Sabino, Poggio Nativo, Pozzaglia Sabina, Rocca Sinibalda e Scandriglia), si conclude il percorso degli spettacoli dal vivo nei luoghi della cultura. L’atto finale del 2021 si celebra questa sera alle 21.30 al teatro Comunale Vicolo Primo di Poggio Moiano, con lo spettacolo “Recitando Musicando”, un recital con l’attrice Sandra Collodel, con Marco Guadagno e Marco Mete, attori con una lunga e blasonata carriera nel doppiaggio, e con Marco Rinalduzzi all’accompagnamento musicale. Una carrellata divertente di testi di grandi autori, che parte da Gioachino Belli e Trilussa per arrivare fino a Stefano Benni e Gianni Clementi. Ingresso 5 euro, con prenotazione all’e-mail postmaster@sentieriincammino.com e presentazione di Green pass. “Sentieri in Cammino”, sostenuto da Regione e Fondazione Varrone, si chiude con un bilancio positivo, con oltre 1.200 spettatori e un cartellone di qualità sia per il teatro che per la musica, curato dal direttore artistico Massimo Wertmüller, con la consulenza per la musica di Carla Tutino, di Stefano Caponi e l’organizzazione di Paolo Di Reda.

Ultimi eventi del “Jazz Guitar Award”, fino a domenica, a Castelnuovo di Farfa. Inserita nel Sabina Music Summer è a cura di Emme Produzioni Musicali e, in questo 2021, ospita la I edizione del “Jazz Guitar Award”, competizione internazionale in cui 16 chitarristi jazz sono valutati da una commissione presieduta da Roberto Cecchetto, Umberto Fiorentino, Fabio Zeppetella, Bebo Ferra e Sandro Gibellini. Gli ultimi tre appuntamenti si terranno a Castelnuovo di Farfa, in piazza del piazza del Comune. Questa sera si esibiscono Muhssin Pizii Trio e, a seguire, Simone Sansonetti Trio. Domenica, Alessandro Mozzillo Trio e, a seguire, Matteo Zaccheo Trio. Tutti i concerti sono gratuiti e a numero chiuso. Per accedere, è obbligatorio il Green pass. Per partecipare è necessario prenotarsi alla e-mail info@emmeproduzionimusicali.it. «Ben venga questa competizione costruttiva per aiutare giovani talentuosi chitarristi ad emergere e a farsi strada in questo particolare momento storico - spiega Roberto Cecchetto. Un contest dedicato interamente alla chitarra jazz, che aiuterà moltissimi talenti».

Il Reate Festival al via questa sera alle ore 20.30 nella chiesa di San Giorgio, a Rieti, con il concerto finale delle partecipanti alla Masterclass di Canto, che si sta tenendo con Monica Bacelli. Domenica alle 18, nella chiesa di San Domenico a Rieti, che ospita l’organo Dom Bedos Roubo, il docente d’organo Matteo Imbruno terrà un concerto con il quale si apre la masterclass che si svolgerà dal 27 al 30 settembre nella stessa sede.

Festival dei Lupi Mannari a Montopoli di Sabina presso la Torre Ugonesca. Domenica in piazza del Comune alle 17, il laboratorio teatrale per i bambini “La maschera antropomorfa e letture sceniche”.

A 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, è l’associazione culturale reatina Polymnia a dare vita alla più ricca rassegna dantesca dell’intera provincia, seguendo l’esempio delle decine di programmazioni in tutta Italia, e non solo, per omaggiare il Sommo Poeta. A Rieti, appuntamento oggi, alle 17, nella sala consiliare del Comune di Rieti, per l’incontro con il professor Francesco Fioretti e la presentazione del suo “Non di solo amore. La via dantesca della felicità”; domani, alle 17, sotto le volte del Vescovado di via Cintia, risuoneranno le note e i passi delle “Musiche e danze del Medioevo Italiano”. Penultimo appuntamento in calendario il 7 ottobre alle 17, nella sala consiliare del Comune di Rieti, dove Marco Grimaldi, docente di Filologia della letteratura italiana alla Sapienza di Roma, analizzerà “L’amore e la conoscenza” in Dante. Gran finale il 13 ottobre alle 17 all’Auditorium di via Varrone, quando Giulio Ferroni, critico letterario, storico della letteratura, saggista e docente emerito della Sapienza, parlerà de “L’Italia di Dante. Viaggio nel paese della Commedia”. Con lui, a chiudere l’ultimo appuntamento della rassegna di Polymnia, sarà la lettura dell’undicesimo Canto del Paradiso.

“Volo 108 New York-Nuova Delhi” è lo spettacolo che il chitarrista Francesco Mascio porta in scena: un viaggio che è come la musica, continuo e ciclico di mente cuore ed anima. L’appuntamento è questa sera alle 20.30 a Toffia (ingresso da piazza Lauretana 3). Domenica, a Toffia e sempre a cura di 33 Officina creativa, porte aperte ai laboratori, poi AnnaMaria Ignarro e Sarah Brahim (Usa) invitano il visitatore a una giornata d’arte. Alle 17 le artiste presenteranno una performance e condivideranno col pubblico il loro processo creativo. Due eventi nella Sala Schuster dell’Abbazia di Farfa: oggi alle 17 la presentazione del libro “La cura. Il libro come salvezza dalla solitudine e dalla paura”, con l’autore Tersilio Leggio. L’introduzione è di padre Dom Eugenio Gargiulo. Domenica alle 18, poi, concerto del duo pianistico con l’omaggio alla musica francese con Carla Aventaggiato e Maurizio Matarrese.

A Poggio Catino, oggi (mattinata per il passeggio e alle 16.30 ufficialmente) si inaugura l’Itinerario delle doline”, anello di 13km e 500 metri di dislivello che abbraccia i borghi di Catino e Poggio Catino. Domenica dalle 21.30, nel parco di via Liberato di Benedetto, musica rap e metal con i Blessed Valley e Devoted Madness.

Apertura straordinaria con concerto (ore 17) della Scooppiati diversamente band, domenica, alle Terme di Vespasiano a Cittaducale. Dalle 15 il sito archeologico aprirà gratuitamente nelle Giornate europee del Patrimonio 2021 con visite guidate (turni su prenotazione alle 15.15 e 16). Per le visite è necessario il Green pass ed è obbligatoria la prenotazione (a: francesca.licordari@beniculturali.it o alessandro.betori@beniculturali.it) sia per le visite che per il concerto.

Un percorso fotografico, ma non solo. Oggi alle 16, in occasione delle Giornate europee del Patrimonio 2021, sarà inaugurata all’Archivio di Stato di Rieti la mostra “I Nicoletti-Rinaldi e l’armadio della memoria - Artigianato, lavoro e inclusione sociale in una storia d’impresa”, un’esposizione curata da Alfredo Pasquetti e Daniele Scopigno, in collaborazione con la Alessandro Rinaldi Foundation. «La mostra è prettamente iconografica - dicono i curatori - ma oltre ai progetti ci saranno fotografie, lucidi, taccuini, raccoglitori di disegni, cataloghi e i preziosi registri da cui abbiamo rilevato la clientela». Committenze di prestigio per l’industria del legno e del mobile “Fratelli Nicoletti”, attiva nella sua originaria forma societaria nel primo Novecento e parte integrante della storia imprenditoriale della città di Rieti, che ancora oggi ne conserva testimonianze visibili. «Basti pensare ai palazzi storici delle istituzioni, ma anche ad alcuni noti esercizi commerciali del centro che ne conservano tracce perfettamente conservate. Ma le committenze non riguardavano solo le famiglie nobili o altolocate, ci sono anche molte famiglie della media borghesia che hanno in casa mobili Nicoletti», ricorda Daniele Scopigno. L’azienda reatina agiva nel Lazio e anche su scala nazionale: «La Nicoletti lavorava anche su forniture militari, parti lignee delle armi leggere del secondo conflitto mondiale, giocattoli in ligneo e lampade di grande valenza artistica e, negli anni Venti, lavorò per i materiali dei dirigibili, su committenza dell’Aeronautica Militare». È firmato dall’opificio reatino anche il mobilio della sede de Il Messaggero di via del Tritone a Roma. La mostra è realizzata attraverso l’archivio d’impresa donato dalla famiglia Rinaldi, eredi di Alberto Rinaldi, successore dei Nicoletti alla guida dell’azienda. Verrà esposta una parte degli oltre seimila disegni contenuti nel fondo, composto dai progetti sia della “Fratelli Nicoletti” sia della “Alberto Rinaldi” poi “Rinaldi-Iacoboni”. Inoltre, la ditta era anche un laboratorio professionale e occupazionale per i giovani del territorio. Parte del materiale esposto è stato restaurato presso il laboratorio di restauro presente all’Archivio di Stato di Rieti, a cura di Martina Marconi. L’accesso alla mostra è gratuito e, successivamente all’inaugurazione, sarà possibile visitare l’esposizione il lunedì e il mercoledì dalle 9.30 alle 17; il martedì, giovedì e venerdì dalle 9.30 alle 14.30. L’ingresso alle sale è contingentato con obbligo di Green pass. All’inaugurazione parteciperanno, oltre ai curatori, Antonella Mulè della Direzione generale Archivi del Ministero della Cultura e Federico Rinaldi, presidente dell’Ar Foundation.

© RIPRODUZIONE RISERVATA