CORONAVIRUS

Rieti, coronavirus: per la Pasqua
controlli rinforzati sulle strade

Mercoledì 8 Aprile 2020 di Emanuele Faraone
Controlli dei carabinieri
RIETI - Coronavirus, controlli rinforzati per il periodo pasquale. Potenziamento dei posti di controllo delle forze dell’ordine in vista delle festività pasquali. Monitorate le principali arterie in uscita e in ingresso per il capoluogo sabino, sotto controllo soprattutto gli spostamenti di “incoscienti” pronti a raggiungere le seconde case in Sabina o al Terminillo. Un ulteriore sforzo logistico attraverso il rafforzamento di unità mobili e di pattuglie da parte delle forze dell’ordine - già da un mese impegnate a tutto campo - in vista delle festività di Pasqua già a partire dai giorni precedenti e in quelli successivi: da domani e fino a martedì 14, per garantire il rispetto delle norme di contenimento anti Covid-19 ed evitare anche scellerate iniziative di scampagnate, visite a parenti e gite fuori porta. A supporto - - come del resto anche in questi giorni - saranno effettuati anche controlli aerei con passaggi in elicottero sul territorio provinciale. Ma il primo e più importante “controllo” è quello su noi stessi sotto il segno del rispetto e del senso civico. Da qui anche l’appello della questura al massimo rispetto delle norme anticontagio attualmente in vigore.

Il piano
In campo Polizia (Squadra volante, Digos, Polstrada e Squadra mobile), Carabinieri (Rieti e Comandi compagnia di Cittaducale e Poggio Mirteto), Guardia di finanza e Polizia municipale. Sorvegliate speciali le principali vie di accesso-ingresso a Rieti: Salaria per L’Aquila e per Roma, via Tancia, Strada regionale 578 Salto-Cicolana e la Ss 79 Ternana. Sotto la lente anche la Strada statale 4 Bis Terminillese, la 313 Mirtense, lo snodo di Passo Corese o la Flaminia-area Magliano Sabina, arterie verosimilmente percorribili per il raggiungimento di seconde case al Terminillo o nell’area sabina. La polizia municipale di Rieti sta individuando ulteriore personale da richiamare in turno per il controllo della zona urbana con particolare attenzione al centro storico ma anche parchi, pista ciclopedonale, aree verdi o giardini pubblici che potrebbero malauguratamente divenire improvvise attrattive per momenti di svago in caso di bel tempo. Reatini che, tutto sommato, sembrano al momento essere abbastanza rispettosi delle misure di contenimento da quanto risulta - tra le dovute eccezioni e “peccati veniali” - dai report delle forze dell’ordine cui non è certo mancata una certa elasticità nella presa d’atto delle singole circostanze nell’ambito dei controlli effettuati a seguito delle norme più stringenti rispetto agli spostamenti legati all’emergenza Covid-19. «Abbiamo ravvisato per quanto di nostra competenza - ha spiegato Onorina Domeniconi, assessore a Protezione civile, Sicurezza e Polizia municipale del Comune di Rieti - un discreto rispetto delle norme. Ovviamente possono verificarsi situazioni particolari e accidentali ma sono sempre state gestite al meglio dal personale». Nei giorni scorsi multato il gestore di un’area di ristorazione nelle pertinenze di un supermercato per aver somministrato bevande nonostante il divieto. Ultimo aggiornamento: 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani