Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Progetto alternanza scuola-lavoro tra Settore cultura del Comune e Liceo Classico di Rieti

Progetto alternanza scuola-lavoro tra Settore cultura del Comune e Liceo Classico di Rieti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Novembre 2021, 14:52 - Ultimo aggiornamento: 14:54

RIETI - E’ stato presentato questa mattina, presso il liceo classico “Marco Terenzio Varrone”, il progetto teso alla realizzazione di un percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (alternanza scuola/lavoro), che vede impegnati congiuntamente l’Istituto “C. Jucci” – sezione liceo classico - e il Comune di Rieti, Settore Cultura, per l’anno 2021-2022.

Una classe del liceo sarà infatti protagonista di un importante percorso di studio e ricerca, nell’ambito della progettualità “Tà Biblìa: la Biblioteca tra conservazione e ricerca”, da sviluppare con la Biblioteca Comunale Paroniana, alla scoperta del pregiatissimo “Fondo Varroniano”.

A presentare ai ragazzi l’iniziativa il dirigente scolastico, Stefania Santarelli, l’assessore alla Cultura del Comune di Rieti, Gianfranco Formichetti, e i due tutor del progetto, per la scuola la professoressa Anna Pasquetti, e per la biblioteca Paroniana la dottoressa Francesca Dominici.

«Siamo certi – ha dichiarato l’assessore Gianfranco Formichetti – che questa esperienza sarà preziosissima sia per gli studenti che per noi, nell’ottica di un percorso culturale condiviso che miri a rinsaldare, da parte dei giovani, anche il legame con il territorio».

Al termine del percorso i ragazzi illustreranno alla cittadinanza i risultati del loro lavoro, in un evento costruito ad hoc per diffonderne l’importanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA