Rieti, Cantalice travolgente non dà
scampo al Fiano Romano: 6-1.
«Bravi, partita esemplare»

Domenica 26 Gennaio 2020 di Andrea Giannini
Riccardo Camilli in grande spolvero (foto Riccardo Fabi/Meloccaro)
RIETI - Il Cantalice (31 punti) gioca da squadra e supera per 6-1 il Fiano Romano (30). Tre punti che fanno salire la classifica: periodo positivo che continua in casa reatina.

LA GARA

Il Cantalice scede in campo con la voglia dimenticare il ko in Coppa. I biancorossi spingono il piede sull’acceleratore e dopo i primi 45’ è 3-0 per i padroni di casa. La prima occasioni arriva suoi piedi di Cedric: al 7’ tapin dell’esterno di attacco. Passano solo due minuti quando anche Accardo mette la sua firma: dopo un azione personale fa partire un tiro dal limite dell’area di rigore che si insacca in rete. Il Fiano risponde presente e al 10’ Pezzotti si fa trovare attivo con una grande parata da tiro ravvicinato. I primi minuti del Cantalice fanno male agli ospiti: al 16’ Agostini dal limite sfiora la traversa. Dopo una mezz’ora piuttosto equilibrata, al 45’ arriva la terza rete dei padroni di casa: bella azione sull’asse Panitti-Camilli con quest’ultimo che serve un assist millimetrico per il difensore centrale che di testa fa il 3-0.

Nella ripresa il Fiano si vede solo al 3’ quando accorcia le distanze: l'attaccante ospite Mattia Marcheggiani, ex Maglianese, aggancia prima un buon pallone poi con un pallonetto mette dentro il 3-1. Questa l’unica azione dei romani poi dominio Cantalice. A 5’ Camilli fa un gol capolavoro: in azione personale supera tutta la difesa del Fiano e mette la palla all’angolo destro dalla porta. Passano altri 10’ quando ancora Camilli serve un altro assist, questa volta lancia Accardo che dal limite mette fa il 5-1, qualche responsabilità del portiere avversario. La formazione di mister Patacchiola non si ferma e al 40’ mette dentro anche il sesto gol: Rossi mette in area un cross rasoterra che attraversa tutta l’area di rigore, sul secondo palo Agostini non sbaglia.

IL COMMENTO
Simone Patacchiola, tecnico Cantalice: «Penso che i ragazzi volevano il riscatto dopo la partita di mercoledì, immeritata. Hanno approcciato la gara in modo esemplare, una squadra propositiva sotto tutti gli aspetti. Credo che il risultato parli chiaro. C’è solo da essere contenti e di rimanere con i piedi a terra perché sappiamo che il campionato è lungo. Ora ci godiamo il risultato e da martedì penseremo alla prossima». Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma