Sgomberi, si studia utilizzo beni confiscati alle mafie. Lunedì vertice al Viminale, in settimana incontro Raggi-Minniti

Domenica 27 Agosto 2017
29
Sgomberi, si studia utilizzo beni confiscati alle mafie. Lunedì vertice al Viminale, in settimana incontro Raggi-Minniti

Utilizzare i beni confiscati alla criminalità organizzata. È questa, a quanto si apprende, una delle ipotesi più concrete allo studio per le linee guida sugli sgomberi degli edifici occupati di cui si discuterà domani al Viminale in una riunione con il ministro Minniti. La direttiva punta a coinvolgere e responsabilizzare prefetti e sindaci, ma si valuta anche di coinvolgere il sociale, non solo attraverso gli organi delle amministrazioni comunali deputati a questo settore, ma anche tramite associazione qualificate. 

L'ipotesi di usare i beni confiscati potrebbe venire incontro anche alle osservazioni e alle critiche che spesso, in passato, sono state mosse in merito al mancato riutilizzo o a un utilizzo non virtuoso dei beni confiscati alle mafie. Riguardo invece all'ipotesi di far requisire edifici pubblici vuoti questa - spiegano fonti del Viminale - non è praticabile anche da un punto di vista giuridico.

È convocata intanto per lunedì, a quanto si apprende, una riunione tecnica al Viminale con il ministro dell'Interno, Marco Minniti, per discutere del tema degli sgomberi di edifici occupati e delle linee guida da approntare. In quest'occasione Minniti indicherà ed esaminerà con i suoi collaboratori come definire le stesse linee guida. Al centro anche, ma non solo, il tema dei migranti. Non è ancora deciso, invece, sottolineano fonti del ministero, quando la circolare Minniti, che deve ancora essere messa a punto, verrà emanata. 

La prossima settimana si terrà poi un incontro tra la sindaca di Roma Virginia Raggi e il ministro dell'Interno Marco Minniti per fare il punto sulla situazione degli sgomberi. La riunione, che verterà sui temi migranti, accoglienza e politiche abitative, a quanto si apprende, è stata chiesta dal Campidoglio nell'ambito dei «buoni rapporti e costanti contatti istituzionali». 

Già lo scorso 26 giugno, infatti, la sindaca di Roma ed il responsabile del Viminale avevano dato vita ad una cabina di regia sul tema immigrazione. All'indomani del corteo dei movimenti per la casa che ha sfilato per il centro della Capitale da Palazzo Senatori arriva anche l'apprezzamento per la gestione della manifestazione che si è svolta senza incidenti.

 

Ultimo aggiornamento: 20:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA