Mango, l'ultimo saluto al cantante. Due fratelli ricoverati

Mango, l'ultimo saluto al cantante. Due fratelli ricoverati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Dicembre 2014, 10:33 - Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre, 09:43

E' il giorno dell'ultimo saluto a Mango, nella Chiesa Madre di Lagonegro (Potenza) - dove oggi è giornata di lutto cittadino. Folla ai funerali del cantante, morto a 60 anni nella notte tra domenica e lunedì durante un concerto a Policoro (Matera). Nel pomeriggio, invece, alle ore 15.30, nella chiesa di San Giuseppe saranno celebrati i funerali del fratello dell'artista, Giovanni, morto ieri mattina a 75 anni, molto probabilmente anche lui a causa di un infarto.

I fratelli ricoverati Sono inoltre ricoverati nell'ospedale della città lucana altri due fratelli del cantante, Armando e Michele, che si sono sentiti male nel corso della giornata di ieri.

Mogol Mango «non è stato considerato per quanto valesse. Adesso, dopo la sua morte, avrà sicuramente una valutazione più grande»: così, con evidente commozione, il maestro Mogol ricorda il cantante lucano a pochi minuti dall'inizio dei funerali. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Mogol ha ricordato che Mango «era un artista generoso. Aveva una gentilezza d'animo e una sensibilità eccezionale, come ha potuto vedere tutta l'Italia quando si è sentito male sul palco. Era un lucano Doc, un artista diverso con una unicità particolare non rintracciabile anche in altri grandi artisti. La nostra canzone migliore? Sicuramente - ha risposto - 'Mediterraneò, una canzona epica che è andata al di là delle mie capacità».

Messaggi Striscioni, messaggi e fiori sono stati lasciati da amici e da fan davanti alla villa di Mango da cui stamattina parte l'ultimo «viaggio» del cantautore verso la Concattedrale per i funerali e poi verso il cimitero. Da lunedì mattina, giorno in cui la salma è stata trasferita da Policoro, è stato un viavai continuo di parenti, persone che lo hanno conosciuto bene e semplici cittadini. Uno striscione richiama le parole delle sue canzoni: «Il tuo volo in cielo non cancellerà la tua presenza nel mio cuore», firmato «una rondine». Davanti alla Concattedrale è prevista altrettanta manifestazione di emozioni. Le esequie saranno presiedute dal vescovo di Lagonegro, Francesco Nolé, e concelebrate dal parroco don Mario Timpone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA