Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Decreto Ucraina in aula senza impegno sulle armi. Rientra la fronda grillina

Stamattina in Senato la fiducia sul testo, previste poche defezioni. FdI voterà no. Decisiva la mediazione di Guerini: «Per adeguarci c’è tempo fino al 2028»

Decreto Ucraina in aula senza impegno sulle armi. Rientra la fronda grillina
di Francesco Malfetano
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Marzo 2022, 23:58 - Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 11:12

Niente sorprese, si fa per dire. Alla fine il decreto Ucraina, come da programma, questa mattina approderà al Senato. E lo farà - ma terminano qui le mosse già preventivate - con tanto di questione di fiducia (posta ieri sera dal governo) e soprattutto privo del discusso odg di Fratelli d’Italia che avrebbe impegnato formalmente l’esecutivo ad incrementare le spese militari al 2% del pil entro il 2024. Un risultato che sulla carta potrebbe sembrare far felici tutti (FdI esclusa) ma che, in realtà, nasconde neanche troppo bene gli strascichi di un braccio di ferro che ormai prosegue da giorni tra Mario Draghi e il leader 5S Giuseppe Conte, con la triangolazione di un Enrico Letta sempre più preoccupato per la tenuta non solo della coalizione di governo ma anche dell’asse giallorosso. «L’Italia lascerebbe sbigottito il mondo intero se si aprisse ora una crisi di governo» attacca su Twitter. 

La partita

In altri termini il voto di questa mattina (alle ore 11) è il culmine di una partita a scacchi giocata sul filo dei regolamenti parlamentari. Il gioco di pedine e rivendicazioni ha fatto “tremare” davvero la maggioranza che, ormai sconcertata dalle posizioni di Conte, ha alla fine optato per rimandare lo scontro. Lo stralcio dell’odg oggetto del contendere è infatti arrivato letteralmente all’ultimo minuto utile. Il testo arriva stamani al Senato senza relatore e quindi scevro degli emendamenti apportati dalle Commissioni, ufficialmente perché i pareri della commissione Bilancio non sono arrivati in tempo. Un modo “furbo” di lasciare al M5S una via di fuga, ed evitare che il voto facesse scivolare l’esecutivo verso un’ipotetica crisi. Festeggiano i grillini: «Abbiamo raggiunto il nostro scopo e sgomberato il campo da confusioni strumentali». «Con quell’ordine del giorno avevano provato a “infinocchiarci”, siamo stati bravi», gongola il senatore Gianluca Castaldi. Tra i 5S si placano gli animi dopo che lo stesso Conte - che ha visto più volte i senatori grillini - era finito sotto accusa tra i suoi per le cifre del bilancio della Difesa dei suoi governi lasciate trapelare da Palazzo Chigi. 


In realtà però, ad abbassare la tensione adducendo «un po’ di buon senso» nelle mediazioni, «di certo non sono stati i grillini» spiega una fonte dem. Ad aprire un varco ieri pomeriggio ci ha pensato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini parlando della possibilità di spostare al 2028 l’obiettivo. Da lì in poi si sono rotti gli argini e i 5S hanno provato in tutti i modi ad intestarsi la vittoria. «Il Pd prova a capovolgere la narrazione e il ministro diventa pioniere della gradualità» attaccano in una nota. «È stato realista» risponde il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri. Oggetto di un «ricatto dei 5 stelle» secondo FdI che annuncia il suo voto contrario al decreto. «Anche in questa circostanza abbiamo dimostrato disponibilità ma abbiamo anche ribadito che gli accordi con la comunità internazionale si rispettano per garantire la credibilità del Paese - spiega invece la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi - E per noi è importante sostenere il governo in questo impegno. Come ha sempre detto il Ministro Guerini, e ribadito anche oggi, le spese per la difesa crescono gradualmente e in relazione alla compatibilità finanziaria». «Doveva riuscire a portare un pò di gente a votarlo e strumentalmente - attacca in un’intervista ad Affari Italiani il presidente di Italia Viva Ettore Rosato - ha utilizzato un tema serio che invece richiede rispetto e saggezza». Più defilata la Lega che strizza l’occhio alle posizioni 5S, ma resta seduta a guardare, attaccando il governo su altri fronti.

Il decreto

In ogni caso, al netto delle polemiche, oggi si volta pagina e si approva in via definitiva il decreto. A dar retta alle voci che circolano nei corridoi di palazzo Madama infatti, il voto non riserverà sorprese, solo qualche ammaccatura in più per la maggioranza. L’esecutivo potrà contare sul voto compatto di Pd, Lega, Fi, LeU. Forse si smarcherà qualche 5S, ma a quanto si apprende non dovrebbe essere un grande numero. Certo il “no” del presidente della Commissione esteri al Senato Vito Petrocelli che vede l’Italia come un paese «co-belligerante» e, quindi, per la sua posizione con ogni probabilità sarà espulso dal gruppo grillino.
Tutto è bene quel che finisce bene? Non proprio. L’aumento delle spese militari richiesto dalla Nato (e approvato con un Odg alla Camera da tutta la maggioranza appena poche settimane fa) dovrebbe infatti finire all’interno del Def che sarà presentato al Parlamento entro il 10 aprile. In tempo perché i 5S tornino ad incrociare le spade con alleati e non, alla ricerca di qualche consenso per le amministrative di giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA