La Regina Elisabetta lancia la sua birra a marchio Sandringham: un omaggio al principe Filippo

La Regina Elisabetta lancia la sua birra a marchio Sandringham: un omaggio al principe Filippo
di Valentina Venturi
3 Minuti di Lettura

Da anni si vocifera che la Regina Elisabetta II sia una "binge", che quotidianamente beva ben oltre le unità di alcol raccomandate. Stando ai racconti della cugina Margaret Rhodes, la regina avrebbe una sorta di coerenza alcolica. Questa la sua routine quotidiana: un gin e Dubonnet prima di pranzo con una fetta di limone e ghiaccio, a pranzo vino e Martini secco, mentre prima di andare a dormire si rilassa con un bicchiere di champagne.

Omaggio al principe Filippo - A prescindere dai rumors, che a volte durano il tempo di un sorriso, una cosa è certa: l’esperienza della casa reale d’Inghilterra nel mondo delle bevande alcoliche continua. Come precisa il sito pambianconews, dopo aver lanciato lo scorso anno un proprio gin, ora è il momento della classica e tradizionale birra. E stavolta sono un omaggio al pincipe Filippo, che non ha mai nascosto di amare le "bionde" soprattutto la sera.

Un'iniziativa per fare cassa - Nello specifico, la nuova bibita porta il marchio di Sandringham, la residenza di campagna della Regina Elisabetta e, come si legge sul profilo Twitter della residenza, è di due tipi: Ipa – India Pale Ale e Bitter, entrambe realizzate con gli ingredienti che crescono proprio nell’orto di Sandringham. Per essere birre Royal il costo è contenuto: 3.99 sterline a bottiglia (circa 4,50 euro). Si potranno acquistare nello shop di Sandringham, che ha da poco riaperto dopo le restrizioni per il Covid e chissà se andranno a ruba come il gin. Lo sperano soprattutto i reali: secondo i tabloid inglesi infatti l’idea della birra è un’altra trovata per riempire le casse svuotate dalla pandemia. Anche per questo, qualche settimane fa, la regina stessa ha annunciato che per la prima volta nella storia i giardini di Buckingham Palace saranno aperti ai turisti per i picnic.


Per chi invece avesse la curiosità di conoscere da vicino le donne che hanno in un modo o nell'altro definito il cammino della Regina Elisabetta II, la royal watcher Eva Grippa ha scritto "Elisabetta e le altre", coinvolgente saggio edito DeAgostini in cui si passa dalla purtroppo dimenticata nanny Marion Crawford alla sorella Sua Altezza reale la principessa Margaret contessa di Snowdon, passando per l'indimenticabile Lady Diana o Camilla duchessa di Cornovaglia, fino ad arrivare al presente più stringente con la vicenda reale di Meghan Markle, la duchessa americana.

Lunedì 10 Maggio 2021, 18:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA