Natasha Hovey, dopo l'appello di Verdone ricompare l'attrice di “Acqua e sapone”: «Vivo a Miami con mio marito e 6 gatti»

L'attore e regista, a 40 anni dall'uscita dal film, aveva scritto: «Emanavi dolcezza, dove sei?»

Natasha Hovey, dopo l'appello di Verdone ricompare l'attrice di Acqua e sapone : «Vivo a Miami con mio marito e 6 gatti»
3 Minuti di Lettura
Domenica 15 Ottobre 2023, 21:47 - Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 07:48

Dopo l'appello di Verdone sui social, ricompare Natasha Hovey, la celebre attrice della pellicola “Acqua e sapone”. Verdone, a 40 anni dall'uscita del film, l'aveva ricordata con un post su Facebook, rammaricandosi di non averla più rivista. Il regista aveva postato la foto di Natasha all'epoca giovanissima e aveva scritto: «Nel 1983, in questo mese, usciva “Acqua e Sapone”, una delle commedie che mi riporta a tanti cari ricordi. Una bella atmosfera, la presenza efficace della Sora Lella, il roscio Fabrizio Bracconeri, l'amabile Florinda Bolkan e tanti trasteverini e testaccini come generici parlanti. La foto che state vedendo l'ho ritrovata qualche mese fa dentro un vecchio album ed è il volto della protagonista esordiente Natasha Hovey. Purtroppo abbiamo perso i nostri contatti».

Natasha Hovey, Carlo Verdone lancia l'appello: «Ho perso i contatti, fatti viva». Chi è l'attrice di Acqua e Sapone

La risposta

Ecco allora la risposta, che Hovey affida al Corriere della Sera: «Sono stupita da tanto clamore.

Mi hanno chiamato amici dall’Italia per avvertirmi dell’appello di Carlo Verdone che si chiedeva sui social dove fossi. Eccomi, vivo a Miami e sono la sua Sandy!». La donna si è trasferita da qualche anno in America con suo marito di professione medico reumatologo e il figlio David, 24 enne: «Una mia sorella vive accanto a me, l'altra in Oregon. Mio padre era di Boston, e io ho la doppia nazionalità. Con la mia famiglia però abbiamo scelto di vivere a Miami perché è  più vicina al nostro spirito latino.  Mi trovo bene, anche se è un posto de matti!». La sua giornata tipo? «La città è piena di gatti, molti dei quali non sterilizzati, che vivono in condizioni di estrema necessità (....) Così con altri volontari ci occupiamo del loro sostentamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA