Fedez e il tumore: «Sono fortunato, non ho dovuto fare chemioterapia». Il cantante parla della malattia: «Non ha preso i linfonodi»

Il cantante ha già subito un intervento chirurgico in cui gli sono stati asportati duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino

Fedez e il tumore: «Sono fortunato, non ho dovuto fare chemioterapia». Il cantante parla della malattia: «Non ha preso i linfonodi»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Maggio 2022, 15:13 - Ultimo aggiornamento: 21:16

Il tumore non è arrivato ad attaccare i linfonodi. È una buona notizia per Fedez, è lui a darla e ad accendere, così, un faro sulle migliaia e migliaia di persone che hanno a che fare con gli stessi identici problemi e parole come esame istologico, tumore, linfonodi, metastasi. Fedez si è sottoposto a un intervento chirurgico lo scorso 22 marzo in cui c'è stata l'asportazione di duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino. 

Ecco cosa ha detto il cantante sulla patologia che lo è ha compito (è un tumore al pancreas): «Mi ritengo parecchio fortunato. È arrivato l'esame istologico. Il tumore era molto raro, è quello di Steve Jobs, la fortuna è che non ha una classificazione in cancerogeno benigno ma in G1, G2 e G3. Il mio era G1, il che vuol dire 'tanto culo'....».

Fedez presentando il festival musicale Love Mi a Milano, ha parlato di nuovo della sua malattia che ha spiegato «non ha preso i linfonodi e non avevo micro metastasi, per cui non ho dovuto fare chemioterapia. Al 90% posso dire che va tutto bene. È come se vedessi il mondo a colori».

«È stata un'operazione importante - ha aggiunto - sono stati rimossi duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino ma sto facendo attività fisica e mi ritengo molto molto fortunato».

Fedez ha poi spiegato alcune sue parole dei giorni scorsi riguardo alla malattia: «Mi sono permesso di dire che l'amore per la famiglia è la cura più forte a ci sono state persone che hanno storto il naso ma io volevo solo ringraziare le persone che mi sono vicine, non volevo dire che l'amore sostituisce la medicina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA