Brad Pitt fa causa ad Angelina Jolie, gli avvocati: «Ha venduto parte dell'azienda vinicola a un oligarca russo a sua insaputa per danneggiarlo»

Nel 2021 Angelina Jolie ha "presumibilmente venduto" la sua metà della cantina Chateau Miraval a un'azienda gestita da Yuri Shefler, proprietario della vodka russa Stolichnaya, alias Stoli

Brad Pitt fa causa ad Angelina Jolie, gli avvocati: «Ha venduto la sua quota dell'azienda vinicola ad un oligarca russo per danneggiarlo»
9 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 11:25 - Ultimo aggiornamento: 11:50

Dal divorzio gli animi tra Brad Pitt e Angelina Jolie non si sono mai placati. Stavolta Pitt, ha accusato l'ex moglie di aver tentato di danneggiarlo vendendo segretamente la sua quota nella sua vigna francese a «un oligarca russo con intenzioni velenose - che presumibilmente includono un piano per prendere il controllo completo del multimilionario». Secondo i documenti legali ottenuti esclusivamente da DailyMail.com. la Jolie ha venduto metà della fiorente azienda vinicola Chateau Miraval a un'azienda gestita da Yuri Shefler, il proprietario dell'azienda che produce la vodka russa di punta Stolichnaya, ribattezzata Stoli.

Brad Pitt e Lykke Li, è amore? Ecco chi è l'affascinante vicina di casa della star di Hollywood

Bradd Pitt cita in tribunale Angelina Jolie

A questo punto l'attore 58enne ha scelto di intentare questa causa poiché l’attrice avrebbe intenzionalmente cercato appunto di «infliggere danni» alla sua reputazione. Gli allora coniugi, nel 2008, acquistarono una partecipazione di controllo in Chateau Miraval, prendendo possesso sia della villa di 35 stanze che della principale fonte di reddito dell’attività ossia il vigneto della proprietà. Quando la proprietà fu acquistata Pitt e la Jolie fecero anche un patto che impediva la vendita delle proprie azioni senza il consenso dell’altro. Nel 2021 Angelina ne vendette la sua parte a seguito del divorzio e già allora Brad non era daccordo.

Kutcher, Depp e Di Caprio “allergici” all'acqua: sotto la doccia poche volte a settimana

Il contratto "segreto" dell'azienda vinicola

Oggi, l’attore porta in tribunale la ex con una causa nella quale afferma non solo la volontà di Angelina di infliggergli danni ma anche che l’attrice non si interessò mai del tutto a Miraval e che il progetto si è evoluto «in un business globale multimilionario e uno dei produttori di vino rosato più apprezzati al mondo grazie al suo lavoro senza che Angelina se ne sia mai occupata». Sempre da come si legge nei documenti in possesso del Daily, nel 2021 Angelina avrebbe «perseguito e poi consumato la presunta vendita in segreto, mantenendo di proposito Pitt all’oscuro e violando consapevolmente i diritti contrattuali». Inoltre: «Jolie ha cercato di costringere Pitt a collaborare con uno sconosciuto e, peggio ancora, uno sconosciuto con associazioni e intenzioni velenose». Dopo aver compiuto «disperati tentativi di dissociarsi dal regime di Putin, il marchio Stoli è ora una massiccia responsabilità internazionale», affermano i giornali, citando l' invasione dell'Ucraina da parte di Putin. «La Stolichnaya è stata oggetto di boicottaggi in tutto il mondo. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha designato Shefler come "oligarca nella Federazione Russa" in un rapporto non classificato al Congresso presentato ai sensi del Countering America's Adversaries Through Sanctions Act del 2017», secondo i documenti depositati presso la Corte superiore della contea di Los Angeles il 3 giugno . 

Angelina Jolie, la figlia Shiloh dice addio all'abbigliamento maschile. La 15enne incanta il red carpet con l'abito di mamma

L'oligarca russo

La società è una sussidiaria del Gruppo Stoli, il che significa che è "di proprietà indiretta" di Shefler, che ha sede nel Regno Unito. «Jolie ha perseguito e poi consumato la presunta vendita in segreto, tenendo di proposito all'oscuro Pitt e violando consapevolmente i diritti contrattuali di Pitt», continuano gli avvocati della star. 'In tal modo, Jolie ha cercato di ottenere profitti che non aveva guadagnato e ritorni su un investimento che non aveva fatto. Anche attraverso la presunta vendita, Jolie ha cercato di infliggere danni a Pitt. Jolie sapeva e intendeva che Shefler ei suoi affiliati avrebbero cercato di controllare l'attività che Pitt aveva costruito e di minare l'investimento di Pitt in Miraval». Gli avvocati della star di Fight Club affermano che quei timori si sono immediatamente realizzati. «E proprio come aveva immaginato Jolie, questo è esattamente ciò che Shefler ha fatto», sottolineano nel loro primo documento di reclamo modificato.

Brad Pitt e Angelina Jolie: dopo il divorzio la lite per affari

Una minaccia per il marchio

«Da quando ha acquisito le quote di Jolie in Miraval, Shefler ha lanciato un'acquisizione ostile del business del vino, destabilizzando le operazioni di Miraval e cercando di accedere alle informazioni riservate e proprietarie di Miraval a beneficio della sua impresa concorrente. Allo stesso tempo, l'associazione di Miraval con Shefler, che ha acquisito notorietà grazie a tattiche commerciali spietate e associazioni professionali dubbie, mette a repentaglio la reputazione del marchio Pitt così accuratamente costruito», questo si legge nei documenti. 

Accordo non rispettato?

«Il deposito afferma anche che la vendita viola un accordo fatto dalla coppia all'inizio della loro collaborazione nella tenuta di 1.000 acri di Chateau Miraval, che hanno acquistato nel 2008 e si trova a Correns, vicino ad Aix-en-Provence. Ha dato a Pitt il primo rifiuto di acquistare la sua partecipazione se voleva vendere, è stato detto al giudice». E quest'ultima battaglia legale tra gli ex in guerra è resa ancora piu' complicata da una disputa sull'entità della quota di Jolie. Miraval è di proprietà di Quimicum, una società in cui Pitt originariamente deteneva una quota del 60% attraverso la sua entità Mondo Bongo mentre Jolie deteneva il 40% attraverso la sua società Nouvel. Tre anni prima che lui e Jolie si separassero nel 2016, Pitt ha trasferito il dieci per cento delle azioni di Mondo Bongo a Nouvel, diventando così 50/50 stakeholder di Quimicum. Ma secondo la causa, il trasferimento del dieci per cento è nullo in quanto le azioni sono state "vendute" per solo 1 euro e non per un importo "serio" come richiesto dalla legge lussemburghese. Pitt ha anche colpito il momento della vendita di Nouvel da parte di Jolie, collegandolo alla decisione di un giudice di emettere una sentenza provvisoria che gli dava la custodia del 50/50 nell'aspra battaglia della coppia per l'affidamento dei loro cinque figli minori dell'epoca. I suoi avvocati affermano che originariamente le trattative per l'acquisizione di Miraval, del valore di 164 milioni di dollari, erano iniziate tra le stelle e stavano procedendo nell'aprile 2021. «I negoziati sono passati a una fase molto avanzata e le parti hanno persino raggiunto un accordo sul prezzo», scrivono.

Divorzio Brad Bitt Angelina Jolie, giudice nega testimonianza dei figli: la furia dell'attrice

L'impegno di Pitt nella tenuta

«Nel maggio 2021 nonostante le parti fossero sul punto di concludere un accordo per l'acquisizione della partecipazione di Jolie, i rappresentanti dell'attrice hanno improvvisamente informato Pitt del cambio di programma», questa la nota dei legali della Jolie: ci consideriamo liberi da qualsiasi trattativa con voi e liberi di perseguire qualsiasi altra transazione che riterremmo opportuno intraprendere. I Brangelina avevano acquistato il castello come casa da condividere con i loro sei figli e un vigneto da gestire come azienda di famiglia, dicono i giornali. Tuttavia, la tenuta era in gravi difficoltà e perdeva denaro a causa del suo precedente proprietario. Pitt ha quindi formato un'associazione con il famoso enologo Marc Perrin per reinventarlo in un'impresa di livello mondiale. «Il vigneto è diventato la passione di Pitt e redditizia, poiché Miraval, sotto la guida di Pitt, è diventata un business globale multimilionario e uno dei produttori di vino rosato più apprezzati al mondo», affermano i giornali. Invece secondo gli avvocati di Brad la Jolie non si dedicava affatto all'azienda. L'impegno di pitt nell'azienda ha permesso al marchio di crescere e di diventare uno dei piu' apprezzati nel settore. Le vendite di Miraval sono aumentate vertiginosamente ei commercianti sono ricorsi alla lista d'attesa per i suoi ultimi vini, precisano gli avvocati. 

 

L'oligarca prova a "corrompere" Brad

«Il successo di Miraval e il relativo aumento di valore hanno offerto a Jolie l'opportunità di capitalizzare il successo di Pitt e incassare, senza contribuire in alcun modo all'impresa... Pitt era pronto a riscattare la Jolie, in tutto o in parte, a condizioni ragionevoli. Shefler, di origine sovietica e con cittadinanza britannica e israeliana, stava osservando da lontano quel successo. E il proprietario del gruppo SPI, che vende alcolici in 160 paesi, ha approfittato della notizia del divorzio di Brangelina nel 2016 per fare un'offerta da 60 milioni di euro per Miraval», dicono i giornali. L'oligarca ha anche offerto a Pitt «condizioni molto allettanti». L'offerta è stata respinta, ma all'inizio del 2021 i soci di Shefler sono tornati e hanno avuto un incontro con Pitt. Tuttavia, la star ha confermato di non essere interessato a un accordo. «Jolie aveva quindi venduto Nouvel non solo a uno sconosciuto, ma proprio allo sconosciuto con cui Pitt e Miraval si erano rifiutati di trattare», scrivono gli avvocati.  «Jolie e Shefler hanno nascosto le discussioni e si sono rifiutati di rivelare i termini dell'accordo contemplato a Pitt. Pitt ancora non sa quali siano quei termini». Come si legge sul Daily gli avvocati di Pitt hanno anche collegato Shefler nel loro documento a Putin, la cui invasione dell'Ucraina a febbraio ha ucciso migliaia di civili innocenti. «Shefler mantiene anche relazioni personali e professionali con individui nella cerchia ristretta di Vladimir Putin», affermano nei documenti del tribunale. Ma il magnate della vodka ha criticato pubblicamente il regime di Putin dopo l'invasione dell'Ucraina e ha detto che era stato esiliato dalla sua terra natale. Stava cambiando il nome della sua vodka da Stolichnaya a Stoli in risposta diretta alla guerra di Mosca, ha detto in un comunicato stampa. «Anche se sono stato esiliato dalla Russia dal 2000 a causa della mia opposizione a Putin, sono rimasto orgoglioso del marchio Stolichnaya», ha detto. 

Il divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie, online il podcast «Finché accordo non vi separi»

Richiesti i danni

Insomma i Bradangelina tornano in tribunale e Brad chiede ora di essere risarcito con «un importo da provare al processo» chiedendo che il tutto venga esaminato da una giuria. L’attore cita quindi in giudizio la ex moglie per violazione del contratto implicito, violazione del quasi contratto invocato in via subordinata, violazione del patto implicito di buona fede e correttezza, abuso di diritti ai sensi dell’articolo 6-1 del codice civile lussemburghese, interferenza illecita nei rapporti contrattuali, interferenza illecita con potenziali rapporti commerciali e fiducia costruttiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA