Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gaeta, compie un secolo il panificio De Conca: è il più antico della provincia

Gaeta, compie un secolo il panificio De Conca: è il più antico della provincia
di Sandro Gionti
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2022, 19:59

Compie cento anni il panificio De Conca a Gaeta, il più antico della provincia. Inaugurato il 4 aprile del 1922 sul Lungomare Caboto, all'angolo Salita Porta di Terra, nel quartiere medievale della città, ha visto operare, tranne la breve interruzione della guerra, tre generazioni di fornai. L'idea di aprire il forno nel quartiere Sant'Erasmo, venne come scrivopno le cronache cittadine del tempo - ad Almerindo De Conca, il fornaio delle meraviglie, che, appena tornato dall'America, avviò quest'attività insieme alla moglie Annunziata Di Schino. Lavorarono con passione conquistando subito la fiducia della clientela.

Nel settembre 1958 il panificio diventa Il Fornaio di De Conca Almerindo e figli, dove tutta la famiglia porta avanti il difficile mestiere del panettiere. Perché panificare è un'arte vera e propria e i figli di Almerindo, ossia Anna, Aida, Antonio e Alfonso, ce l'hanno nel sangue, avendo sempre lavorato nell'azienda di famiglia, custodendo e tramandando i cosiddetti segreti del mestiere, senza trascurare di apportare migliorie e cimentandosi nel lancio di nuovi gustosissimi prodotti. Dal luglio 1965 sono gli ultimi due figli, Antonio e Alfonso, a portare avanti l'azienda, diventando gli indimenticabili fratelli De Conca, apprezzati da tutta Gaeta, che producevano pane e tielle di tutti i tipi, pizze, pizzette, tozzi, biscotti, rustici, torte, dolci tipici. E nell'immediato dopoguerra offrivano il pane anche a chi ne aveva bisogno, tra i quali gli sfollati della caserma Cosenz.

Oggi, a continuare la tradizione di famiglia c'è Alessandro, 44 anni, il figlio di Alfonso, che, subentrato nel 2005 alla guida del panificio, porta avanti con orgoglio e capacità l'attività, proponendo un mix tra l'antica e genuina arte della panificazione tradizionale e nuovi e ricercati prodotti di qualità. Il centesimo anniversario dell'attività è stato festeggiato l'altra sera nel panificio, con l'intervento del sindaco Cosmo Mitrano, della presidente dell'Ascom Lucia Vagnati, del direttore della Confcommercio Salvatore Di Cecca, dei dipendenti e, ovviamente di tutti i familiari. Tra questi ultimi Anna De Conca, 94 anni, con il marito Giovanni. E' per me e per tutti noi - ha confessato la signora Anna - motivo di grande orgoglio e commozione festeggiare, con figli, nipoti e pronipoti, questo anniversario. E il sindaco Mitrano ha donato alla famiglia De Conca una pergamena in cui è scritto che Tre generazioni, dall'aprile 1922, hanno investito capacità, sforzi e sacrifici nel Panificio De Conca, uno dei punti di riferimento della gastronomia gaetana, ma anche un nome con cui ripercorrere cent'anni di storia, dagli inizi del secolo scorso, quando gas e corrente elettrica dovevano ancora arrivare nelle nostre case e al forno si producevano pane e dolci con la legna. Da un secolo pane e dolci si fanno seguendo le stesse antiche ricette, tramandate da padre in figlio - si legge - Oggi Alessandro De Conca continua l'attività artigianale dei suoi antenati nello stesso locale, alla Salita Porta di Terra: un posto dove tradizione e genuinità sono le parole d'ordine, dove si produce direttamente, si crea e si dà forma alla tradizione.
Sandro Gionti
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA