Sorpresa 80 euro: il 40% a famiglie con redditi alti

Martedì 4 Luglio 2017 di Andrea Bassi
11
(Foto Ansa)
Lo si potrebbe definire il “paradosso” degli 80 euro. Una misura nata e pensata per aiutare le persone con redditi medio bassi, ha finito per premiare un gran numero di famiglie con redditi medio-alti e, persino, una buona percentuale di famiglie ricche. Il dato emerge da una tabellina pubblicata in un recentissimo rapporto dell’Istat intitolato la «Redistribuzione del reddito in Italia». Cosa ha fatto l’Istat? Invece di considerare il reddito individuale, ha preso in esame il reddito delle famiglie alle quali è andato il bonus. La differenza non è da poco. A livello individuale le regole del bonus sono semplici: gli 80 euro li intascano integralmente tutti i lavoratori che guadagnano da 8 mila a 24 mila euro, e in misura ridotta quelli che guadagnano da 24 mila a 26 mila euro. Chi guadagna meno di 8 mila euro (i cosiddetti incapienti) non incassa nulla. E così chi guadagna più di 26 mila euro. Insomma, se si prendono in considerazione gli individui, in effetti, il bonus premia i redditi medio-bassi.

IL DATO
Ma ogni individuo fa parte di una famiglia. Può capitare, per esempio, che dello stesso nucleo facciano parte due lavoratori che guadagnano 24 mila euro ciascuno. Il loro reddito totale è di 48 mila euro, ma siccome il bonus tiene conto solo dei guadagni individuali, lo incassano entrambi. Lo stesso vale, per esempio, in una famiglia dove, casomai, il capofamiglia guadagna 100 mila euro, la moglie, casomai, 20 mila e un figlio che fa ancora parte del nucleo altri 20 mila. Anche in questo caso in famiglia arriverebbero due bonus nonostante il reddito complessivo sia di 140 mila euro. La domanda, a questo punto, è quanto è diffuso questo fenomeno? Molto, stando ai dati dell’Istat. L’Istituto di statistica ha diviso in cinque classi le famiglie: dalla prima classe, le più povere, alla quinta classe, le più ricche. Secondo la tabella del rapporto, il bonus da 80 euro ha beneficiato 9,4 milioni di famiglie. La classe più numerosa di famiglie, quasi 2,4 milioni di nuclei, che hanno ottenuto l’aiuto del governo, sono concentrate nel quarto gradino, quello dei benestanti che sono solo ad un passo dal quinto gradino, quello cioè dei ricchi. La stessa classe delle famiglie più ricche è stata decisamente beneficiata, visto che il bonus lo hanno incassato oltre 1,6 milioni di nuclei del quinto più benestante del Paese, contro 1,4 milioni di famiglie del primo gradino, quello più povero. Sommando gli ultimi due gradini, secondo i dati dell’Istat, il 40% del bonus sarebbe andato alle famiglie che guadagnano di più.

LE REAZIONI
«Il bonus di 80 euro», spiega l’Istat, «non è prioritariamente disegnato come una misura anti-povertà. Per effetto dell’incapienza e della presenza di più lavoratori dipendenti nelle famiglie a reddito medio alto», si legge nel rapporto, «il bonus non risulta concentrato sui redditi più bassi». Un’analisi che comunque non convince il governo. «Il bonus da 80 euro», spiega il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando, «al di là di Eurostat che lo classifica come una spesa, è nei fatti una riduzione dell’Irpef, ossia dell’imposta sui redditi delle persone fisiche. Èfuorviante», sostiene Morando, «prendere in considerazione il reddito delle famiglie». Una linea condivisa anche da un esperto di questioni fiscali come il professor Alberto Brambilla, presidente del centro studi itinerari previdenziali. «Quello che sostiene l’Istat», dice Brambilla, «è difficile da dimostrare, perché bisognerebbe incrociare i codici fiscali dei contribuenti. Ma comunque», aggiunge, «se c’è un padre che guadagna 100 mila euro che ha un figlio che ne guadagna 20 mila che vive in un’altra città ma è ancora sul suo stato di famiglia, di certo non inficia l’equità della misura». In realtà è la stessa Istat a ricordare che il bonus da 80 euro ha comunque contribuito a ridurre in Italia l’indice di Gini, quello che misura le disuguaglianze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Ultimo aggiornamento: 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Folla al cimitero, per Prima Porta un giorno speciale

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma