Ucraina, la Polonia rinforza l'esercito: raddoppio di uomini e incentivi per arruolamento volontario

Firmata la legge «sulla difesa della patria»

La paura a est
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 17:18

Una legge che modifica alcuni regolamenti sull'esercito che erano rimasti intonsi dal 1967. La Polonia e il governo polacco sentono la necessità di espandere e potenziare il proprio esercito. Il presidente Andrzej Duda ha firmato una legge "sulla difesa della patria" che modernizza e rafforza le truppe polacche. 

La legge prevede di raddoppiare il numero delle forze armate del Paese fino a 300.000 e di aumentare la spesa per la difesa al 3% del Pil nel 2023. Jaroslav Kaczynski, vice primo ministro per gli Affari della Sicurezza e leader del Partito per la legge e la giustizia (PiS) ha affermato che la legge ha creato le basi per costruire un esercito polacco in grado di respingere aggressioni.

Ha aggiunto anche che l'obiettivo era quello di rafforzare la capacità dell'esercito polacco di difendere il paese contro le ambizioni «voraci e imperiali» della Russia.  Nel frattempo, il leader conservatore della Polonia Jarosław Kaczyński, che è vice primo ministro responsabile della sicurezza e il leader del partito conservatore Diritto e Giustizia (PiS), ha detto durante la cerimonia della firma al palazzo presidenziale di Varsavia venerdì che lo sforzo stava «assumendo un nuovo significato nel contesto dell'invasione russa dell'Ucraina».

Lascia le due figlie alla cognata che vive a Stimigliano, poi riparte per combattere con il marito in Ucraina

Il ministro della difesa Mariusz Błaszczak ha detto che la misura «porrà le basi per lo sviluppo delle forze armate della Polonia» aprendo nuove fonti di finanziamento per le forze armate e aiutando ad aumentare il suo numero attraverso nuovi incentivi per l'arruolamento volontario. La legge entra in vigore il 1° luglio e sostituirà i regolamenti che risalgono al 1967. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA