ASTRAZENECA

Germania choc, lotterie nelle case di riposo per stabilire chi deve essere vaccinato

Sabato 2 Gennaio 2021
Germania, incredibile lotteria nelle Rsa di Francoforte: estratto a sorte chi deve vaccinarsi

Una vera e propria lotteria per decidere chi vaccinare tra gli anziani. È quello che sta accadendo in molte case di riposo in Germania dove per ovviare alla carenza di dosi si è deciso di estrarre a sorte i nomi di chi sarà vaccinato per primo. Un metodo decisamente poco scientifico a scapito di una delle categorie, gli anziani che vivono nelle Rsa, più duramente colpite dal Covid. Ma soprattutto, un modo per evitare di prendere decisioni che sta inevitabilmente scatenando un fiume di polemiche. A far scoppiare il caso è stato proprio un esperto di politiche sanitarie: Lutz Stroppe, ex segretario di Stato alla sanità. 

Vaccino, Francia al palo: 332 dosi in 5 giorni. Pelloux: «Stiamo facendo la figura dei fessi»

Che alle dieci del mattino ha scritto un tweet personalissimo: «Mia madre di 88 anni vive in una struttura per anziani a Francoforte. La vaccinazione contro il Covid è iniziata questa settimana. Le dosi non sono sufficienti, ora verrà estratto a sorte chi potrà essere vaccinato per primo. Descrivere i miei sentimenti è proibito dall'etichetta». La notizia del macabro lancio della monetina tra chi avrà più speranze di farcela e chi meno ha scatenato decine e decine di commenti facendo così emergere che quello di Stroppe non è affatto un caso isolato. 

Vaccino anti Covid a 46.030 italiani (3.338 agli anziani delle Rsa) Lazio regione più virtuosa

 

 

 

 

Lotteria anche in Baviera

I metodi sono diversi, dall'estrazione del bigliettino con il nome all'ordine alfabetico, ma comunque legati sempre e solo al fato. «Casa di riposo in Baviera: circa 30 anziani stanno insieme in una stanza e aspettano informazioni su chi verrà vaccinato e quando. Dovrebbe andare in base all'ordine alfabetico per cognome, ma dalla M in poi non c'è più un vaccino», è uno dei tanti racconti, postati a commento del tweet dell'ex segretario di Stato. Racconti che si trasformano in denunce nei confronti del personale delle case di riposo. Come quella, gravissima, sferrata da un altro esperto della materia: il presidente della commissione sanità del Bundestag Erwin Ruddel (Cdu). «In alcune strutture viene somministrato arbitrariamente dalle squadre di vaccinazione a persone che non rientrano nei parametri di priorità. I paesi devono essere all'altezza delle loro responsabilità».

Vaccino, in Italia mancano medici e siringhe: si cercano volontari e pensionati

E da qui alla polemica politica, in un momento in cui in Germania il governo è al centro delle critiche per lo scarso accaparramento di dosi, il passo è breve. La richiesta di dimissioni del ministro della Sanità Jens Spahn, torna in diversi tweet: «Ha sbagliato tutto», è l'accusa. E ancora: «È impensabile che a stabilire chi vaccinare per primo sia la sorte». Ma nella pioggia di critiche c'è anche chi consiglia un bagno di realismo: «Se i vaccini sono pochi cos'altro si può fare? Dovremmo piuttosto essere felici del fatto che la vaccinazione sia iniziata».

Ultimo aggiornamento: 18:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA