Coronavirus, negli Usa oltre 50mila morti. Svezia, 812 casi in un giorno: è il numero più alto finora

Oltre 190mila morti nel mondo: in Usa quasi 50mila vittime
6 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Aprile 2020, 08:06 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 08:50

Sono più di 2,7 milioni le persone contagiate dal Covid-19 nel mondo e oltre 190mila le persone che hanno perso la vita dopo aver contratto l'infezione. Ad aggiornare il bilancio è la Johns Hopkins University, parlando di 2.708.885 casi confermati e 190.858 vittime. Sono invece 4.660.250 le persone che sono guarite dal coronavirus a livello globale. 

Coronavirus Lazio, bollettino: a Roma 40 nuovi casi, 65 in tutta la provincia. Nove morti nelle ultime 24 ore, 63 guariti
Covid-19, a Roma l'indice del contagio (R con 0) scende a 0,5: i dati regione per regione

Usa, oltre 50mila morti. Il bilancio delle vittime per il coronavirus negli Stati Uniti supera i 50 mila morti. Gli Usa sono sempre di più l'epicentro della pandemia e viaggiano ormai verso il milione di casi di contagio. I pazienti positivi sono attualmente oltre 870.000, secondo gli ultimi dati della John Hopkins University.

Oms accelera su vaccino. Una «collaborazione storica» per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione equa del vaccino e delle terapie contro il coronavirus è stata lanciata oggi dal segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, il direttore dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e il presidente francese Emmanuel Macron. «Sono particolarmente grato al presidente Emmanuel Macron, alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e a Bill e Melinda Gates per la loro leadership e il loro sostegno», ha detto il direttore generale dell'Oms ringraziando anche gli altri leader mondiali che hanno dato il loro appoggio all'iniziativa. «Da gennaio l'Oms sta lavorando con migliaia di ricercatori nel mondo per accelerare lo sviluppo di un vaccino. Uniti vinceremo il coronavirus», ha detto.

Svezia casi più alti. La Svezia ha registrato 812 nuovi casi di coronavirus, il numero più alto finora riportato. Lo riferisce il Guardian. Il numero totale di infezioni nel paese è salito a 17.567. Ci sono stati inoltre 131 nuovi morti per Covid-19, dato che porta il bilancio delle vittime a 2.152, secondo i dati pubblicati dalle autorità sanitarie. Finora, sono 1.256 i pazienti trattati in terapia intensiva.

In Spagna i decessi registrati in 24 ore a causa del conronavirus sono dmininuiti a 367 dai 440 registrati ieri e dopo sei giorni di andamento della mortalità sostanzialmente stabile. È inoltre il dato minimo da settimane. In base alle statistiche del ministero della Sanità, riportate da El Pais, i decessi dall'inizio dell'epidemia nel Paese sono 22.524. I pazienti guariti sono 3.105 in più a un totale di 92.355. 

Salgono a 88.194 i casi di coronavirus in Iran, con 1.168 contagi registrati nelle ultime 24 ore. Le nuove vittime sono 93, da dieci giorni stabilmente sotto la soglia dei cento morti, per un totale di 5.574 decessi confermati dall'inizio della pandemia. I pazienti in gravi condizioni sono 3.121, quelli guariti aumentano a 66.596. I test effettuati finora sono 399.927, una cifra che resta molto più bassa di altri Paesi. Lo riferisce il ministero della Salute iraniano

Sono 5.849 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Russia nelle ultime 24 ore, una cifra in salita rispetto ai 4.774 di ieri. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i contagi accertati in Russia sono 68.622 e i morti 615, di cui 60 nel corso dell'ultima giornata. Lo riporta il centro operativo russo per la lotta al coronavirus. A Mosca, la zona più colpita del Paese, si registrano 2.957 nuovi casi, che portano a 36.897 il totale dei contagiati dall'inizio dell'epidemia nella capitale russa. I morti a Mosca sono in tutto 325, di cui 37 deceduti nelle ultime 24 ore. Le autorità sostengono che in Russia siano stati effettuati in totale 2,5 milioni di tamponi, di cui 150.000 nel corso dell'ultima giornata.

Sono quasi 50mila i morti negli Stati Uniti dopo aver contratto il coronavirus. Lo affermano i dati diffuso dalla Johns Hopkins University, che parlano di 3.176 vittime nelle ultime 24 ore negli Usa, per un totale di 49.887 decessi. Il numero dei contagiati negli Stati Uniti, invece, è salito a 869.172.

Gran Bretagna, il Premier Johnson al lavoro a Downing Street da lunedì 27 aprile
Coronavirus, Trump: «Iniezioni di disinfettante per uccidere il virus». Gli esperti: «Dichiarazioni irresponsabili»

«Non sono d'accordo» con il super esperto Anthony Fauci sul fatto che gli Stati Uniti sono ancora indietro sui test per il coronavirus. Lo afferma Donald Trump, ribadendo che molti paesi al mondo «vogliono i nostri test. Siamo coloro che ne stanno facendo di più».

Iniettare disinfettante e prendere il sole. Questa, secondo il presidente americano Donald Trump, una possibile strategia per contrastare il Covid-19. «Vedo che il disinfettante lo distrugge in un minuto. Un minuto. Non c'è un modo di fare qualcosa di simile, iniettandolo? Sarebbe interessante verificarlo», ha detto Trump nel corso del breafing quotidiano sul Covid-19. Invitando gli americani a «prendere il sole», Trump ha quindi suggerito l'uso di raggi ultravioletti per contrastare il coronavirus, facendo riferimento a uno studio secondo il quale il Covid-19 sparirebbe più velocemente alla luce del sole e ad alte temperature. «Non sono un dottore», ha aggiunto il presente Usa, affermando che «sono qui per illustrare delle idee». 

 I casi positivi di coronavirus in Israele sono saliti oggi a 14.882, mentre i decessi sono stati finora 193. Lo ha reso noto il ministero della Sanità. Fra i ricoverati 139 versano in condizioni gravi, e di essi 107 sono in rianimazione. Finora 5.685 persone sono guarite. La città più colpita dalla pandemia resta Gerusalemme con 3.116 contagi, seguita dalla cittadina ortodossa di Bnei Brak (2.635) e da Tel Aviv (492).

Il primo ministro britannico Boris Johnson potrebbe tornare al lavoro lunedì. Lo sostiene il quotidiano Telegraph, spiegando l'intenzione di Johnson di rientrare al Numero 10 di Downing Street per «riprendere il controllo della crisi causata dal coronavirus». Il giornale sostiene anche che il premier avrebbe detto ai suoi collaboratori di organizzare incontri individuali con i ministri di governo la prossima settimana. «Non è il tipo di persona che resta con le mani in mano.

Veramente ha già iniziato a lavorare a pieno ritmo la scorsa settimana», ha detto una fonte citata dal Telegraph. «Il fatto che abbia avuto una conversazione telefonica con la Regina mercoledì sera indica che si sente in grado di lavorare», ha aggiunto. Ieri un portavoce di Downing Street, riferendo che il premier è ancora in convalescenza dopo il contagio da coronavirus che lo ha costretto al ricovero ospedaliero, ha detto che non è possibile «dare una data» per il ritorno di Johnson alla piena attività.

La Tunisia registra altri 9 nuovi contagi da coronavirus, che portano a 918 il totale dei casi confermati nel Paese. Lo rende noto in un comunicato il ministero della Sanità di Tunisi precisando che i decessi ufficiali rimangono 38 mentre in aumento risultano i guariti, 190. I pazienti in rianimazione sono 32, 93 i ricoverati presso le apposite strutture ospedaliere.

Droni per garantire il lockdown. La Tunisia mette in campo anche i droni per contribuire al rispetto del lockdown generale in vigore fino al 3 maggio prossimo. Il ministero della Salute di Tunisi ha ricevuto dal gruppo Telnet quattro droni dotati di sensori di temperatura e altoparlanti come parte del rafforzamento dei mezzi logistici del dicastero contro la diffusione del coronavirus. Questi droni, si legge in una nota, consentono di agire su larga scala per misurare la temperatura dei cittadini in un'area di 7 km e possono lanciare messaggi acustici per informare i cittadini dei rischi della pandemia. La cerimonia di consegna dei droni si è svolta presso la sede del ministero, in presenza del ministro Abdellatif Mekki e dell'amministratore delegato del gruppo Telnet, Mohamed Frikha.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA