Cirque du Soleil, arrestato il fondatore Guy Laliberté: coltivava marijuana in Polinesia

Mercoledì 13 Novembre 2019
1
Cirque du Soleil, arrestato il fondatore: coltivava marijuana in Polinesia

Guy Laliberté, il miliardario fondatore e proprietario del Cirque du Soleil, la compagnia di spettacoli circensi più famosa al mondo, è stato arrestato nella Polinesia francese con l'accusa di coltivare marijuana. Lo riferisce Bbc. Il miliardario canadese, in una nota, ha precisato che le piante coltivate sulla sua isola privata di Nukutepipi erano solo a scopo «medico e strettamente personale», e non a fini di spaccio. Secondo le tv locali, l'arresto è scattato dopo il fermo - alcune settimane fa - di un associato di Laliberte sul cui cellulare sono state trovate diverse foto della piantagione.

“Totem”, nuova creazione del Cirque du Soleil arriva in Italia a Roma nel 2020

Laliberté ha iniziato la sua carriera molto giovane come mangiatore di fuoco, giocoliere e fisarmonicista ambulante a Montreal. Nel 1984 stringe amicizia con un miliardario conosciuto durante un viaggio a Las Vegas, il quale decise di finanziare interamente il progetto di Lalibertè: dar vita a una compagnia circense innovativa e spettacolare. Nasce così, quasi per caso, Cirque du Soleil, un'azienda che oggi è considerata la più importante del mondo nel settore dell'intrattenimento, vantando circa 4000 dipendenti. Inoltre Lalibertè è considerato uno dei personaggi più eccentrici e stravaganti dell'ambiente a causa di alcuni particolari avvenimenti della sua vita, primo fra tutti la sua scalata che lo ha portato da mangiatore di fuoco mendicante a miliardario perennemente iscritto nella lista di Forbes degli uomini più ricchi del mondo. 

 

Ultimo aggiornamento: 20:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma