Asia Bibi potrebbe andare in Canada, la conferma arriva da Justin Trudeau

Martedì 13 Novembre 2018 di Franca Giansoldati
Montreal - Asia Bibi potrebbe essere accolta in Canada, assieme a tutta la famiglia. La proposta è  attualmente oggetto di discussioni e trattative tra le autorità pachistane e quelle canadesi. A confermare l' ipotesi è stato il premier Justin Trudeau. «Confermo che si sta affrontando questo argomento con il governo del Pakistan ma non posso pronunciarmi e andare oltre perchè la questione è molto delicata. Tuttavia come sapete bene il Canada è un paese accogliente e aperto» ha detto in una intervista alla France Press, facendo capire che a frenare il progetto potrebbero essere i problemi interni pachistani. In questi giorni il Pakistan è stato incendiato dalle proteste dei gruppi islamici radicali che vorrebbero la morte di Asia Bibi. La donna, di fede cristiana, era stata arrestata nel 2009 dopo essere stata accusata falsamente da un gruppo di abitanti del suo villaggio, di religione musulmana. Secondo la legislazione anti blasfemia, in vigore in Pakistan, chi offende Maometto rischia la pena capitale. Asia Bibi dopo essere stata arrestata e violentata reiteratamente in un primo carcere, era stata portata in un secondo carcere, di massima sicurezza, in attesa del processo che si è concluso, la scorsa settimana, con l'assoluzione da parte della Corte Suprema. La sentenza a favore della donna ha provocato una ondata di violenze in tutto il Paese. Asia Bibi è stata portata in una località segreta per proteggerla meglio, in attesa di trasferirla successivamente all'estero con la sua famiglia, il marito e i cinque figli. Anche l'Italia si è mossa per accoglierla, a tal proposito si erano registrate alcune dichiarazioni a favore, ma poi la questione è stata accantonata. Forse perchè troppo rischiosa. Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA