Dalla "corona" alla spina di pesce: sei tipi di trecce di tendenza (e come realizzarle)

Domenica 26 Agosto 2018 di Laura Bolasco

 
Capelli: gioie e dolori di tutte le donne del mondo. Dopo un’estate trascorsa al mare, in cui sole e salsedine possono aver danneggiato le nostre chiome, non esiste miglior rimedio che mandare in vacanza phon e piastra e raccogliere i nostri capelli in morbide trecce. Questa affascinante pettinatura che ci accompagna fin da quando eravamo bambine, continua ancora oggi ad essere la soluzione ideale durante le ultime giornate in spiaggia, ma se siete stanche della versione classica che ci faceva mammà, eccone altre 6 per avere capelli bellissimi e sempre apposto.
 

 

 
Fishtail
E’ chiamata a spina di pesce per la forma che ricorda una lisca. Invece che in tre parti, come la treccia normale, si divide la chioma in due parti e si inizia a intrecciare prendendo una piccola parte di capelli di una delle due ciocche per unirla all’altra e facendo la stessa cosa dall’altra parte. Si continua aggiungendo piccoli ciuffi da entrambi i lati fino ad esaurire tutta la lunghezza.
Occorre stringere bene perché l’effetto sia il più definito possibile.
 
Francese

Anche detta “treccia alta”, si realizza come una treccia classica ma partendo dalla parte superiore della testa. Iniziando dall’attaccatura dei capelli, si intreccia aggiungendo ogni volta una piccola ciocca recuperata dai lati esterni della testa e si continua così seguendo la lunghezza dei capelli.
 
Boxer
Le treccine laterali tanto in voga nelle stagioni passate non sono nient’altro che due trecce alla francese realizzate sui due lati opposti della capigliatura. Ideali per le giornate ventose e per fare sport, e non solo la boxe!
 
Corona danese
Per ottenere una corona di capelli raccolti si procede come per la realizzazione della treccia francese, ma in modo orizzontale. La particolarità (e difficoltà) di questa treccia è nel suo punto di partenza: dividendo i capelli in due parti dietro la testa, si inizierà ad intrecciare esattamente da metà, utilizzando solamente una delle due parti. In questo modo (aggiungendo come sempre mano a mano piccoli ciuffi alle ciocche) i capelli da aggiungere alla treccia si esauriranno esattamente dove li avevamo divisi inizialmente e le forcine per fermare la nostra corona saranno nascoste per un effetto ancora più “regale” e decisamente chic.
 
Cerchietto di treccia
Con lo stesso metodo di realizzazione della corona francese è possibile ottenere anche solo un “cerchietto” che segua la parte superiore della testa, lasciando la chioma sciolta sulle spalle. Procedendo come sopra, basterà considerare ciocche più piccole e più vicine alla treccia che si sta formando, lasciando il resto fuori. Terminate e appuntate la treccia con una forcina appena dietro l’orecchio.
 
Laterali bohémien
Questa pettinatura semplice ma di grande fascino è la preferita dagli spiriti più hippie. Realizzate due treccine singole speculari nei due lati opposti della capigliatura (partendo dall’attaccatura o all’altezza dell’orecchio) e unitele insieme nella parte posteriore con un elastico di piccole dimensioni. Oppure no. Lasciatele cadere libere lateralmente: daranno al vostro look quell'accento un pò selvaggio per affrontare l'autunno con l'estate ancora "in testa".

Ultimo aggiornamento: 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma Universalis la mostra sui Severi al Colosseo Foro Romano e Palatino

di Laura Larcan