Priverno: muore in un incidente con il ciclomotore il quindicenne studente Mattia Moro

Domenica 15 Aprile 2018 di Sandro Paglia
Mattia Moro il quindicenne morto nell'incidente stradale nei pressi di Torino.
Non ce l'ha fatta a sopravvivere, nonostante il tempestivo intervento dei sanitari del "118" e di quelli ospedalieri torinesi del Cto, il quindicenne studente Mattia Moro, originario di Priverno, dopo l'incidente subito con il suo caratteristico  "Cinaquantino", un due ruote usato per lo più dai giovanissimi studenti. Il suo cuore ha cessato di battere nella notte tra venerdì e sabato  presso la struttura ospedaliera torinese dove era stato portato in codice rosso dall'elicottero "Pegaso, lasciando così nel dolore e nello sconcerto i genitori e gli altri familiari. Erano circa le 19,30 di venerdì sera quando il giovane Mattia, a bordo del suo motorino, stava rientrando a casa dopo aver lasciato i suoi amici, quando nel transitare sulla centrale via Galiberti, a Courgné, nel Canavese, vuoi per in fondo stradale non proprio perfetto, vuoi per un momentaneo malore, perdeva il controllo della due ruote andando a sbattere contro un muro di cinta.

La notizie della morte del giovane studente che frequentava il secondo anno Tecnico-Industriale proprio nel torinese, ha raggiunto come un fulmine a ciel sereno la mamma dei ragazzo, Chorin da Silva che vive a Priverno da anni, insieme agli altri familiari, e che gestisce una nota boutique di abbigliamento sportivo, proprio in pieno centro. Particolarmente colpiti da questa morte anche le amicizie più care di questa famiglia le quali hanno lasciato su  Facebook, pensieri affettuosi e pieni di vicinanza per la perdita di Mattia. Ora si attende l'autopsia e quindi il rilascio della salma da parte dell'autorità giudiziaria. Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma