Caporalato, minacce e spari ad altezza d'uomo per costringere i braccianti a lavorare: arrestato

Sabato 12 Ottobre 2019
Le armi sequestrate all'imprenditore
Costretti a vivere in un tugurio, minacciati con un fucile e spari ad altezza d'uomo, costretti a lavorare per restare vivi. Con le accuse di sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di arma da fuoco (fucile a pompa), lesioni personali, detenzione abusiva di munizionamento, omessa denuncia di materie esplodenti è finito in carcere   Alessandro Gargiulo, 35 anni, di Terracina. Personale del Commissariato - che ha seguito il caso - lo  ha fermato subito dopo minacce con un fucile a pompa all’indirizzo di braccianti indiani al suo servizio.

Lo stesso, secondo le indagini della Polizia, si sarebbe avvalso di “caporali” deputati alla sorveglianza dei lavoratori e di situazioni alloggiative fatiscenti da destinare ai braccianti agricoli, avvalendosi della complicità di terze persone denunciate in stato di libertà nella stessa operazione della Polizia di Stato

A denunciare la situazione cinque braccianti indiani, stufi delle vessazioni, i quali hanno raccontato di essere stati ripetutamente minacciati dal datore di lavoro con armi da fuoco, modo per spronarli ad accelerare la raccolta e la lavorazione dei prodotti. Alcuni di loro avevano rinunciato all’impiego avrebbero quindi scatenato l’ira dell’imprenditore.

Lo stesso, nella serata del 10 ottobre, all’ennesimo licenziamento di uno dei suoi operai, peraltro in stato di clandestinità poiché privo di titolo a permanere su territori nazionale, avrebbe reagito presentandosi presso l’alloggio dei braccianti per una “lezione”. Avrebbe esploso colpi di fucile all’indirizzo di alcuni di essi, fortunatamente non attingendone alcuno.  L’uomo avrebbe passato in rassegna gli attoniti  stranieri minacciandoli, puntandogli l’arma alla gola.

Gli agenti hanno cinturato la villa padronale dell’imprenditore agricolo e fatto irruzione.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma