Valle d'Aosta, il presidente Fosson si è dimesso per le indagini sulla ‘ndrangheta in Regione

Sabato 14 Dicembre 2019
Valle d'Aosta, il presidente della Regione Fosson si dimette: è indagato per scambio elettorale politico mafioso

Il presidente della Regione Valle d'Aosta, Antonio Fosson, si dimette. Lo ha annunciato durante una riunione straordinaria di maggioranza a Palazzo regionale. Le motivazioni sono legate all'avviso di garanzia ricevuto dalla Dda per scambio elettorale politico mafioso in merito ad un'inchiesta sul condizionamento delle Regionali del 2018 in Valle d' Aosta da parte della 'ndrangheta.

'Ndrangheta, il presidente della Val D'Aosta Fosson indagato per voto di scambio

Rifiuta l'elemosina fuori dal supermercato, nigeriano insegue cliente e lo prende a sassate

Anche gli assessori Laurent Viérin (turismo e beni culturali) e Stefano Borrello (opere pubbliche) hanno annunciato che si dimetteranno. Il consigliere Luca Bianchi, invece, lascerà l'incarico di presidente di commissione e di capogruppo dell'Union valdotaine. Tutti e tre sono indagati - assieme a Fosson - per scambio elettorale politico mafioso nell'ambito di un'inchiesta della Dda sul condizionamento delle elezioni regionali del 2018 in Valle d' Aosta da parte della .

Fosson: «Mia totale estraneità ai fatti». «Sottolineo con forza la mia totale estraneità rispetto ai fatti di cui ho avuto lettura negli ultimi giorni sui giornali». Lo ha detto il presidente della Regione Valle d'Aosta Antonio Fosson spiegando le ragioni che lo hanno portato alle dimissioni a seguito di un avviso di garanzia per scambio elettorale politico mafioso nell'ambito di una inchiesta della Dda sul condizionamento delle elezioni regionali 2018 in Valle d'Aosta da parte dell''ndrangheta.
 

Ultimo aggiornamento: 14:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma