Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pesaro, papà annega in mare con il figlio di 8 anni. Salvo il fratello di 13 C'era bandiera rossa

I primi soccorsi sono stati prestati da gestori di stabilimento e bagnini, che sono riusciti a portare a riva l'uomo e il ragazzino più grande

(Cortesia Fano Tv)
4 Minuti di Lettura
Sabato 9 Luglio 2022, 11:40 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 11:42

Tragedia in mare a Fano (Pesaro Urbino), dove un papà di 44 anni e il figlioletto di 8 anni sono annegati nel tratto di mare davanti alla spiaggia di Gimarra. Il figlio più grande, di 13 anni, è stato invece soccorso e rianimato e poi trasportato all'ospedale materno infantile di Ancona.

Bimbo morto a Sharm el Sheikh, la salma in Italia: mercoledì l'autopsia

Pesaro, papà annega con il figlio: cosa è successo

Con i tre c'era anche un amichetto del figlio, anche lui 13enne: è riuscito a uscire dall'acqua da solo e a dare l'allarme alla madre degli altri due bambini, che era rimasta sulla spiaggia. Il gruppetto è entrato in acqua dopo le 8, nonostante il mare fosse molto mosso e sventolasse la bandiera rossa, segnale di balneazione pericolosa. A quell'ora non era ancora attivo il servizio di salvataggio. Probabilmente a causa di un fortissima onda di risacca i tre sono stati trascinati verso la scogliera frangiflutti: il padre Davide Zandri, operaio, residente in un centro della Valmetauro, forse ha battuto la testa.

 

I soccorsi

A prestare i primi soccorsi il titolare di uno stabilimento balneare e due volontari di protezione civile, esperti di sport acquatici che erano nei pressi. Sono entrati in mare anche loro e hanno recuperato il padre e il 13enne, che hanno ventilato in acqua durante il ritorno alla spiaggia. Inutili le manovre rianimatorie sul padre, mentre il ragazzino si è ripreso ed è stato trasportato in ambulanza prima all'ospedale di Fano, poi a quello di Ancona con un principio di annegamento: ora respira autonomamente e i medici hanno deciso di non ricoverarlo in rianimazione.

Ragazzo di 21 anni morto dopo un tuffo al lago di Bolsena. Amici sotto choc: «Ha perso la vita sotto i nostri occhi»

Del più piccolo invece nessuna traccia per diverse ore. Sulla spiaggia sono arrivati il 118, la polizia locale, il sindaco Massimo Seri, tanti volontari. Sull'area sono confluiti mezzi navali e aerei della Guardia costiera, coordinati dalla Capitaneria di porto di Pesaro, e anche i nuclei di sub della Guardia costiera e dei vigili del fuoco. Un elicottero ha sorvolato l'area ininterrottamente. Alla fine, intorno alle 17:00, il corpo del piccolo è stato avvistato su un'altra scogliera, nei pressi della linea ferroviaria e della SS16 Adriatica. Una tragedia che ha devastato una famiglia andata al mare per un sabato di relax. Altra tragedia nel trevigiano dove un 33enne di Morgano (Treviso), colto da malore è annegato mentre stava nuotando nelle acque di un laghetto per la pesca sportiva, a Paese. Il suo corpo è stato recuperato la scorsa notte dai Vigili del fuoco. A dare l'allarme alcuni amici che lo avevano accompagnato.

L'appello del presidente di Maredentro

«Non entrate in acqua, non fate il bagno, quando il mare è grosso». È l'appello di Enzo Maggi, uno dei soccorritori del tragico bagno sulla spiaggia di Gimarra a Fano: Maggi è presidente di Maredentro, associazione fanese che si occupa di sport acquatici e protezione civile per il soccorso in mare. «È un appello che lancio da anni. Quando il mare è così, non mettetevi in pericolo e non mettete in pericolo gli addetti al salvataggio. Abbiate rispetto per i vostri limiti, per chi vi dovrà poi soccorrere, abbiate rispetto per il mare. È una campagna che porto avanti da anni, specie nelle scuole e che non riguarda solo il mare, bisogna essere prudenti anche nei laghi e lungo i fiumi, dove si sono correnti pericolose. Le istituzioni dovrebbero attivarsi di più. Non servono divieti per legge, serve un cambiamento culturale, una cultura del mare: l'Italia ha 8.800 km di coste e queste tragedie non dovrebbero più accadere».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA