Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambino morto a Santa Severa, la babysitter: «Ero distratta, ma ero vicina a lui»

Sono due gli indagati per la morte del piccolo. Sotto accusa anche il bagnino: «C’era tanta gente in acqua»

Bambino morto a Santa Severa, la babysitter: «Ero distratta, ma ero vicina a lui»
di Monica Martini e Stefano Pettinari
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 22:41 - Ultimo aggiornamento: 8 Luglio, 14:34

«Francesco stava annegando ma la sua tata non poteva vederlo perché forse si era recata al bar e stava parlando al telefono». È questa l’ipotesi ora al vaglio degli inquirenti, che dopo aver raccolto numerose testimonianze, e ascoltato il racconto a caldo di alcuni bagnanti, stanno indagando sulla tragedia avvenuta martedì scorso, presso lo stabilimento la Nuova Oasi del Lungomare Pyrgi di Santa Severa. Anche se la donna nega: «Ero al telefono, ma non mi sono allontanata dall’ombrellone».

Erano da poco trascorse le 14 quando il bambino romano di due anni e mezzo, ha perso la vita, annegando a pochi metri dalla riva. E quanto emerge dall’inchiesta che già vede due persone iscritte nel registro degli indagati: oltre alla babysitter che assisteva il piccolo, anche il bagnino dello stabilimento. «C’era parecchia gente in acqua – avrebbe detto nell’interrogatorio - e stavo controllando altri bagnanti in situazioni che potevano potenzialmente essere più pericolose. Non ho visto subito il bambino entrare in acqua». 

Bambino morto a Sharm, Andrea Mirabile aveva 6 anni: fatale un'intossicazione alimentare, grave il papà. La madre: «Fateci tornare a Palermo»

L’INTERROGATORIO

L’assistente bagnanti avrebbe ammesso, così come ha fatto la tata, di non essersi accorto subito di cosa stava succedendo, giustificando così questa sua distrazione. Su di lui però, a quanto pare, pesa anche una relazione della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, già consegnata alla pm, che invece sosterrebbe come l’assistente bagnante non può e non deve lasciarsi sfuggire situazioni di pericolo, soprattutto se si tratta di bambini. La donna ha ammesso di essersi distratta: «Ero al telefono proprio con la mamma del bambino – avrebbe detto nel corso del suo interrogatorio agli inquirenti - ma non mi sono mai allontana dall’ombrellone», dove la donna era insieme al piccolo Francesco e alla sorellina, di due anni più grande. Avrebbe aggiunto poi di non essersi resa conto che il piccolo si era allontanato dirigendosi verso il bagnasciuga. Gli inquirenti hanno anche acquisito lo smartphone della donna.

 

Proprio l’interrogatorio di babysitter e bagnino, inizialmente ascoltati a sommarie informazioni, a un certo punto è stato interrotto dagli inquirenti, perché erano emersi elementi che lasciavano intuire una possibile responsabilità sia della cinquantenne che doveva badare al bambino, che del bagnino. Tra i capi di imputazione, al momento ipotizzati, quello dell’abbandono di minore e il più grave omicidio colposo. Intanto, forse già oggi, o al massimo nella giornata di domani, verrà svolta l’autopsia sul corpo del piccolo Francesco, presso l’istituto di medicina legale del Verano. Tra i punti che restano da chiarire, se Francesco abbia accusato un malore che lo ha portato a perdere conoscenza e a cadere in acqua e, soprattutto, possibile che nessuno si sia accorto di nulla. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA