Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio, pensionato invalido uccide a fucilate il figlio della badante a colpi di fucile a Pavia

Omicidio, pensionato invalido uccide il figlio della badante a colpi di fucile a Pavia
2 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2022, 21:53 - Ultimo aggiornamento: 23:42

Un pensionato invalido ha ucciso a colpi di fucile il figlio della badante. La vittima aveva 43 anni. L'omicidio è avvenuto a Gambolò (Pavia), in Lomellina a pochi chilometri da Vigevano (Pavia). L'85enne, da tempo malato e costretto a muoversi su una carrozzina, aveva regolarmente la doppietta da caccia con cui ha sparato. Non sono al momento conosciute le ragioni del gesto.

Donna uccisa dall'ex a Rimini con 21 coltellate, lui era in Italia da un mese per chiederle la mano

A lanciare l'allarme è stata la badante italiana dell'anziano, disperata dopo aver visto il figlio crollare sul pavimento dell'appartamento. Il 43enne è morto all'istante. I carabinieri hanno subito avviato gli accertamenti per comprendere le ragioni che hanno spinto l'anziano a impugnare il fucile. L'indagine è coordinata dalla Procura di Pavia. 

Dalle prime ricostruzioni sembra che l'85enne si sia risentito dopo che il figlio della badante lo aveva «rimproverato» per qualche attenzione di troppo che l'anziano avrebbe riservato a sua madre. Particolari che dovranno naturalmente trovare conferma negli accertamenti condotti dagli inquirenti. 

Da tempo l'85enne in carrozzina era assistito dalla badante. La donna è presente ogni giorno in casa dell'anziano, nella cascina fuori Gambolò. Una presenza necessaria considerate le condizioni di salute dell'anziano e il suo stato di immobilità. Rimane da capire con esattezza cosa abbia indotto il pensionato a prendere il suo fucile da caccia, regolarmente denunciato, ed a premere il grilletto. Tra l'anziano e il figlio della sua badante c'è stata una discussione. Un confronto dai toni sempre più accesi. Inizialmente si era parlato di futili motivi alla base del gesto dell'85enne. Poi però, con il trascorrere dei minuti, sono emersi nuovi elementi che sembrano essere collegati al rapporto tra l'anziano e la sua badante. Presunti atteggiamenti avuti dall'85enne che non sarebbero piaciuti al figlio della donna. Da qui la discussione tra i due, sfociata nel dramma. La notizia è subito circolata a Gambolò (Pavia), suscitando enorme impressione e anche incredulità tra gli abitanti del comune lomellino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA