CORONAVIRUS

​Coronavirus, vendite mascherine: Finanza in sedi Amazon e Ebay: inchiesta su speculazioni

Mercoledì 26 Febbraio 2020
Vendite mascherine, Finanza in sedi Amazon e Ebay: inchiesta su speculazioni

Inchiesta sulle speculazioni. Il Nucleo di polizia economico-finanziaria della Gdf di Milano ha effettuato acquisizioni di documenti e dati nelle sedi di Amazon ed eBay nell'ambito dell'inchiesta dei procuratori aggiunti Tiziana Siciliano e Eugenio Fusco sulle «manovre speculative» nelle vendite a prezzi folli di mascherine, gel disinfettanti e altri prodotti sanitari in questi giorni di emergenza Coronavirus. Il fascicolo, che ipotizza speculazioni sui prezzi di «generi di prima necessità», è a carico di ignoti.

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, quando finirà? L'epidemiologo Ciccozzi: «Fuori entro due mesi, ma non siamo al picco»

Da quanto si è saputo, i militari della Gdf si sono recati negli uffici delle piattaforme on line per acquisire una serie di documenti e dati utili per l'inchiesta, che punta ad individuare coloro che in questi giorni, approfittando dell'emergenza e delle paure delle persone, hanno venduto a prezzi 'gonfiati' (anche a 100 euro una confezione con 50 mascherine, quando il loro costo è di 20 centesimi l'una) prodotti utili a prevenire la diffusione del virus. Tra l'altro, nell'ambito dell'inchiesta al momento a carico di ignoti, da quanto si è saputo, inquirenti e investigatori dovranno anche valutare se sussistano eventuali profili di responsabilità delle piattaforme nelle vendite illecite. Il fascicolo, coordinato dal pool 'ambiente, salute, sicurezza, lavorò e da quello di contrasto alle truffe, ipotizza per ora il reato di speculazione su generi di prima necessità perché, secondo i pm, in questo momento di emergenza le mascherine e i prodotti disinfettanti sono appunto merci di questo tipo. È stato aperto sulla base di un'iniziativa autonoma della Procura, che ha raccolto articoli di stampa su queste vendite gonfiate. Nell'indagine potrebbe anche essere contestato il reato di «frode nell'esercizio del commercio», perché a volte vengono vendute mascherine chirurgiche 'spacciatè per mascherine 'ffp3', ossia quelle adatte per emergenze sanitarie come il nuovo Coronavirus. La Gdf dovrà anche accertare eventuali irregolarità fiscali nelle vendite.

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, allo Spallanzani guariti i due cittadini cinesi

La Procura di Milano, che indaga sulle speculazioni sulle vendite di mascherine e gel disinfettanti per contrastare il Coronavirus, sta monitorando anche altre piattaforme on line, oltre ad Amazon ed eBay, oggetto di alcune acquisizioni di documenti nel fascicolo al momento a carico di ignoti. Inquirenti e investigatori della Gdf, infatti, puntano, attraverso la raccolta di una serie di dati, ad arrivare a coloro che hanno speculato sull'emergenza sanitaria vendendo a prezzi gonfiati. Potrebbero essere necessarie, dunque, acquisizioni anche nei confronti di altre piattaforme di e-commerce. Saranno da valutare anche eventuali profili di responsabilità degli stessi siti di commercio on line.
 

Ultimo aggiornamento: 20:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua