CORONAVIRUS

Coronavirus, scontro tra Marche e governo sulle scuole chiuse: «Decisione unilaterale». Ceriscioli: «Non faccio passi indietro»

Wednesday 26 February 2020

È scontro tra Regione Marche e Governo sulla chiusura delle scuole. Il presidente ha emanato ieri un'ordinanza che ha disposto la chiusura delle scuole fino al 4 marzo e ha sospeso le manifestazioni pubbliche di qualsiasi natura. Il governo ha deciso di impugnare l'ordinanza ritenendola una «decisione unilaterale», hanno spiegato i ministri Francesco Boccia (Affari regionali), Lucia Azzolina (Istruzione) e Gaetano Manfredi (Università e Ricerca), che «si sfila dall'accordo raggiunto solo poche ore prima nel corso dell'incontro tra governo e Regioni tenutosi alla Protezione Civile e viene meno all'impegno preso con tutti gli altri Governatori».

Coronavirus, 4 bambini contagiati. In Italia 11 vittime, morta italiana in Austria.
Coronavirus, scuole chiuse a Napoli fino a sabato. Il sindaco De Magistris: «Igienizzazione e sanificazione»

Il governatore risponde su Radio Capital: «Il Governo impugna la nostra decisione di chiudere le scuole? Sarà l'occasione per vedere chi ha fatto bene, noi o il governo che si oppone. Io non faccio alcun passo indietro anzi l'impugnazione sarà utile per tutti, per la salute dei marchigiani e aiuterà il governo a tenere comportamenti più coerenti». Le comunicazioni di Ceriscioli sono previste in apertura della prossima seduta del Consiglio regionale delle Marche, convocata per martedì 3 marzo prossimo alle 12 presso la sede consiliare di via Tiziano ad Ancona. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 15:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA