SANREMO 2020

Achille Lauro, testo e significato della canzone di Sanremo "Me ne frego"

Giovedì 30 Gennaio 2020
Achille Lauro, testo e significato della canzone di Sanremo

Achille Lauro è in gara a Sanremo 2020 con il brano "Me ne frego". Ecco testo e significato della canzone della giovane rockstar italiana:

Il testo di Me Ne Frego di Achille Lauro


Noi sì
Noi che qui
Siamo soli qui
Noi sì
Soli qui
Fai di me quel che vuoi sono qui
Faccia d’angelo
David di Michelangelo
Occhi ghiacciolo
Dannate cose che mi piacciono
Ci son cascato di nuovo
Ci son cascato di nuovo
Pensi sia un gioco
Vedermi prendere fuoco
Ci son cascato di nuovo
Tu sei mia
Tu sei tu
Tu sei più
Già lo so
Che poi lì
Che non so più
Poi chi trovo
Chi trovo.
Sono qui
Fai di me quel che vuoi
Fallo davvero
Sono qui
Fai di me quel che vuoi
Non mi sfiora nemmeno
Me ne frego
Me ne frego
Dimmi una bugia me la bevo
Sì sono ubriaco ed annego
O sì me ne frego davvero
Sì me ne frego
Prenditi gioco di me che ci credo
St’amore è panna montata al veleno
È instabile
Fragile
È una strega
Solo favole
Favole
A far la scema
È abile
Agile
Quel modo
Insospettabile
O mio Dio sì
Lei
Che dice a me
Voglio te
Ma vuole
Quello che non sa di sé
Dai
Vorresti che buttassi tutto quanto all’aria per te
Si perché
Per un capriccio
Lo sai
Che è cosi
Non si può non si può
Come no
Non mi sfiora nemmeno
Me ne frego
Me ne frego
Dimmi una bugia me la bevo
Sì sono ubriaco ed annego
O sì me ne frego davvero
Sì me ne frego
Prenditi gioco di me che ci credo
St’amore è panna montata al veleno
È una vipera in cerca
Di un bacio
Che poi
Le darò
Io sempre in cerca
Di quello che ho perso
Perdendo
Le cose che ho
Amore dimmi qualcosa
Qualcosa di te
Che non so
Cosi mi prendo anche un piccolo pezzo
Di te
Anche se non si può
Fai quel che vuoi
Me ne frego
Me ne frego
Dimmi una bugia me la bevo
Sì sono ubriaco ed annego
O sì me ne frego davvero
Sì me ne frego
Prenditi gioco di me che ci credo
St’amore è panna montata al veleno
Ne voglio ancora

Il significato di "Me ne frego"
Achille Lauro, nel testo di "Me ne frego", vuole inviare un messaggio legato alla storia di una relazione tossica. Una situazione che, purtroppo, capita nella vita di alcune persone. Persone che vivono situazioni amorose problematiche, piene di emozioni ma anche difficili da affrontare. E vivere. 

Un disagio che Achille Lauro vive quasi consapevolmente: «Sì sono ubriaco ed annego». L'artista parla poi del David di Michelangelo. Perché? L'uomo viene usato dalla sua donna, lei idealizzata in una perfezione tipica delle opere dell'artista. Come appunto nel suo David.

«St'amore è panna montata al veleno». Un passaggio che ricorda la metafora di Gianna Nannini, nella sua "Questo amore è una camera a gas". Stavolta l'amore di Achille Lauro è pieno di sostanza, dolce, ma allo stesso tempo pericolosamente... tossica.

«Io sempre in cerca / Di quello che ho perso / Perdendo / Le cose che ho». Achille Lauro ha chiaro il concetto di "perso", nell'amore, che fa allontanare l'innamorato dalla realtà. E dalle cose vere e belle che ha sempre amato.

Gli autori della canzone Me Ne Frego di Achille Lauro
L. De Marinis - D. Petrella - E. Manozzi - M. Ciceroni - L. De Marinis - D. Dezi - D. Mungai
Ed. De Marinis/Boss Doms Music/Brioche Ed. Mus./Sony/ATV Music Publishing (Italy)/EMI Music Publishing Italia/YF1
Roma - Milano
 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 21:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani