Negozi chiusi la domenica, Di Maio accelera. Grande distribuzione: «50.000 a rischio»

Entro l'anno «sicuramente» arriverà la legge che impone lo stop la domenica e nei giorni festivi delle aperture agli esercizi e ai centri commerciali: parola del vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, intenzionato ad accelerare la stretta sulla liberalizzazione delle aperture e degli orari nel commercio, introdotta nel 2011 con il decreto Salva Italia. Plaudono i sindacati, da sempre schierati contro la deregolamentazione e il conseguente «far west». 

LEGGI ANCHE ----> Di Maio: 
Genova, ecco chi sono i responsabili
 
 

Preoccupata, al contrario, la grande distribuzione organizzata: a rischio ci sarebbero 40-50mila lavoratori, avverte l'amministratore delegato e direttore generale di Conad, Francesco Pugliese. Rilancia l'allarme occupazione il presidente di Federdistribuzione, l'associazione che riunisce le aziende della distribuzione, Claudio Gradara: un provvedimento di cui «non vediamo la necessità e l'opportunità» e di cui «non si capisce la tempestività». Ma Di Maio va avanti e traccia la cornice dell'intervento legislativo per introdurre «turnazioni» e limiti dell' «orario, che non sarà più liberalizzato, come fatto dal governo Monti. Quella liberalizzazione - sottolinea il vicepremier - sta infatti distruggendo le famiglie italiane. Bisogna ricominciare a disciplinare orari di apertura e chiusura».

Una prospettiva che non piace affatto alla Gdo: «La grande distribuzione occupa 450 mila dipendenti - sottolinea Pugliese - le domeniche incidono per il 10% e quindi sicuramente avremo circa 40-50mila tagli. Ora quei 400 mila saranno felici di non lavorare, i 50 mila non so se lo saranno». Per l'ad di Conad, la liberalizzazione delle aperture guarda soprattutto «nell'ottica dei cittadini. Ci sono 19 milioni e mezzo di persone che vanno a fare la spese nei negozi la domenica». Di certo, sottolinea Gradara, «le aperture domenicali sono un grande successo, hanno dato un sostegno ai consumi in un momento di grande necessità». E poi c'è un altro tema con cui fare i conti, l'e-commerce: mettere limitazioni al commercio mentre le vendite on-line vanno a gonfie vele sarebbe «un handicap per l'intero settore», evidenzia il presidente di Federdistribuzione.

Più cauta Confcommercio, che dice sì al dialogo per «una regolamentazione minima e sobria» delle chiusure festive: «Ridiscutere con atteggiamento non ideologico il ruolo della distribuzione è un primo passo importante e condivisibile». Netta, invece, la posizione dei sindacati, promotori anche di diverse campagne contro 'la spesà nei giorni festivi: «Intervenire è una priorità», insiste la segretaria generale della Filcams-Cgil, Maria Grazia Gabrielli, ritenendo «indispensabile un confronto per porre un limite alle aperture incontrollate, che in questi anni hanno stravolto il settore e la vita delle lavoratrici e dei lavoratori delle aziende del commercio».
Domenica 9 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-09-2018 11:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 222 commenti presenti
2018-09-10 17:25:49
Ma allora il problema sono le retribuzioni o la domenica in famiglia?
2018-09-10 14:35:47
Togliete questo ministero a questo ragazzotto.....prima che faccia danni ancora maggiori !!!
2018-09-10 12:49:30
E vabbé, rimarranno aperti 24/7 solo i negozi dei bangla e dei cinesi. Che saranno daccordissimo con di maio...
2018-09-10 11:41:11
Ho lavorato a Parco Leonardo - Saturn per 15 anni...chiuso solo il 25 Dicembre e 1° Gennaio altrimenti SEMPRE aperto...nonostante ciò Saturn ha chiuso e pian piano stanno chiudendo tutte le attività....evidentemente aprire la domenica non dà i suoi frutti...a meno che non si prenda il centro commerciale come via del corso ...solo ad ammirar vetrine...senza spendere però...
2018-09-10 11:39:22
Mio cugino lavora in un centro commerciale, va male anche se stanno sempre aperti, ormai i centri commerciali si stanno facendo concorrenza pazzesca tra di loro e la fanno ai piccoli negozi e a attività come pub,ristoranti,cinema,parchi giochi che lavorano soprattutto di domenica. E' la mancanza di regole che sta facendo perdere posti di lavori, i lavoratori del commercio hanno lavori precari e part time, prendono gli stessi soldi sia nei feriali che nei festivi, in Germania e Francia i negozi hanno orari rigidi, nessuno muore di fame, la spesa si fa lo stesso, e c'è più occupazione che in Italia. Poi le proposte presentate non chiudono i negozi tutte le domeniche, ma solo alcune e con i turni. Tranquilli che la spesa la domenica la farete comunque. Scommetto che quelli che vogliono i negozi sempre aperti con i lavoratori che lavorano 24 h su 24 sono gli stessi che lavorano nel pubblico impiego,nelle banche,nelle poste ecc. che il week-end non lavorano, allora teniamo aperto tutto anche il pubblico impiego,poi vediamo chi è d'ccordo a lavorare sempre. Mettetevi nei panni di chi lavora nei negozi,soprattutto le mamme che hanno bambini piccoli.
222
  • 37,5 mila
QUICKMAP