Aquarius, il presidente francese chiama Conte: rientrata la crisi Italia-Francia. Premier conferma il viaggio a Parigi

di Marco Conti
Sembra essere rientrata la crisi Italia-Francia dopo la lunga e cordiale telefonata, nella notte, tra il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. Lo si apprende in ambienti di governo. A chiamare è stato il presidente francese.

Viaggio confermato. Durante la telefonata il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron hanno potuto discutere la situazione della nave Aquarius e avere uno scambio di vedute. Lo rende noto Palazzo Chigi, riferendo che Macron ha sottolineato di non aver pronunciato alcuna espressione volta ad offendere l'Italia e il popolo italiano. Macron e Conte hanno confermato l'impegno della Francia e dell'Italia a prestare i soccorsi nel quadro delle regole di protezione umanitaria delle persone in pericolo. Il Presidente della Repubblica francese ha ricordato di aver sempre difeso la necessità di una solidarietà europea accresciuta nei confronti dell'Italia. L'Italia e la Francia devono approfondire la loro cooperazione bilaterale ed europea per una politica migratoria efficace con i paesi di origine e di transito attraverso una migliore gestione europea delle frontiere e un meccanismo di solidarietà nella presa in carico dei rifugiati. Macron e Conte hanno convenuto che, in vista del Consiglio Europeo di fine giugno, sono necessarie delle nuove iniziative da discutere insieme. Per evocare questi temi e i numerosi dossier di comune interesse, il Presidente della Repubblica e il primo ministro Conte si incontreranno a Parigi domani per un pranzo di lavoro seguito da una conferenza stampa.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, nel corso del colloquio con il premier Giuseppe Conte, ha detto di «aver sempre difeso la necessità di una maggiore solidarietà europea con il popolo italiano», si legge in una nota dell'Eliseo. «L'Italia e la Francia - prosegue la nota - devono approfondire la loro cooperazione bilaterale ed europea per condurre una politica migratoria efficace con i Paesi d'origine e di transito, attraverso una migliore gestione europea delle frontiere e attraverso un meccanismo europeo di solidarietà e di assistenza dei rifugiati».


Luigi Di Maio. «La notte ha portato consiglio». Questo il commento del vicepremier Luigi Di Maio, intervisato da Rtl dopo aver appreso che il presidente francese Emmanuel Macron ha telefonato nella notte al premier italiano Giuseppe Conte. «Possiamo dire che è un primo segnale di disgelo». 

 
Mercoledì 13 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2018 20:38

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 139 commenti presenti
2018-06-13 20:16:15
Secondo il quotidiano francese "le Parisien" sembra che la Francia tema un asse Vienna Berlino Roma sollecitato dal 1 ministro Austriaco Kurz per affrontare la gestione migranti; inoltre oltre a spiegare le ragioni degli Italiani ricorda pure l'interfenza dei gendarmi Francesi a Bardonecchia nel recente passato
2018-06-13 20:20:20
speriamo presto poter parlare con le pen
2018-06-14 10:37:48
ragazzi ma possiamo far arrivare tutti i giorni migliaia di persone, voi avete fatto un giro nelle varie stazioni ferroviarie? io vivo a Milano l'altra mattina alle 7 dovevo prendere un treno per Bologna, mi si avvicina una ragazza chiedendomi se potevo scortarla fino al binario perchè in Via Victor Pisani era pieno di ragazzi di colore che urinavano con il pene rivolto verso la ragazza, sotto i portici è diventato un campo di concentramento una latrina a cielo aperto. Ora mi domando ma gli 80 € dell'unione europea pro capite che fine fanno se a me danno 80 € al giorno ci porto la famiglia di 4 persone in vacanza un mese con uscita al ristorante una volta a settimana, e non ho detto 80€ a persona 80 in tutto sono 2400€ al mese ma ci rendiamo conto??? chi ruba dietro queste cooperative umanitarie? Avete mai visto con 80€ come sono ospitati nei centri di accoglienza? Neanche le bestie sono trattate così. Macron ha chiuso i battenti da un pezzo vi ricordate a Ventimiglia? E viene a pontificare su di noi? Avete mai visto un campo di accoglienza nei giardini Vaticani? Visto che interviene anche il Papa....a parole e chiacchiere siamo tutti bravi. Abbiamo pieni i maroni l'Italia non è il cesso dell'Europa
2018-06-14 10:52:19
Cara Margherita V. ti hanno risposto in molti ma a mio avviso nessuno ti ha detto che il tuo commento, a mio avviso, è proprio fuori strada. Al contrario di quanto da lei scritto, l'italia sta ritrovando un ruolo e sta stringendo alleanze: ungheria, austria, russia, USA. Chi sta rimanendo veramente isolato sono la francia e la germania che facendosi spalla l'una con l altra vogliono "muovere guerra" al resto del mondo. -Embargo alla russia -Minaccia agli usa dicendo che ormai l'europa deve contare su se stessa. Dazi contro gli usa perchè quest ultimi stanno cercando di difendere i loro interessi andando contro quelli tedeschi. -Minaccia verso altri paesi dell'eurozona se non obbediscono( accoglienza immigrati, rispetto di numeri messi a caso come ad esempio il 3%, etc). Forse vivo in un altro mondo ma a mio avviso si sta insieme per rafforzarsi non per distruggersi. Guardi cosa l'europa ha fatto in grecia... Avanti cosi, la strada è quella giusta
2018-06-14 01:45:19
Era ora !! Basta leccare il culo a tutti e farsi comandare!! L'italia può fare a meno dell'Europa, è l'Europa che non può fare a meno dell'Italia!!
139
  • 8,6 mila
QUICKMAP