Stadio della Roma sotto inchiesta: 9 arresti, c'è anche Parnasi

Mercoledì 13 Giugno 2018 di Lorenzo De Cicco
115
Roma, 9 arresti per stadio Tor Di Valle: in manette Parnasi

Nove arresti (6 in carcere e tre ai domiciliari) per il nuovo stadio della Roma a Tor Di Valle. Tra le persone arrestate ci sono l'imprenditore Luca Parnasi, in carcere insieme a cinque suoi collaboratori (Luca Caporilli, Simone Contasta, Nabor Zaffiri, Gianluca Talone, Giulio Mangosi). Ai domicilari il vicepresidente del Consiglio Regionale, Adriano Palozzi (Fi), l'ex assessore regionale Pier Michele Civita (Pd) e il presidente dell'Acea Luca Lanzalone che ha seguito, in veste di consulente per M5S, il dossier sulla struttura. L'accusa è associazione per delinquere finalizzata alla commissione di condotte corruttive e di una serie indeterminata di delitti contro la pubblica amministrazione. Sono 27 gli indagati, tra cui il capogruppo M5S in Campidoglio Paolo Ferrara che nei primi mesi del 2017 aveva partecipato alla trattativa con il gruppo Parnasi per la modifica della prima stesura del progetto e il capogruppo di Forza Italia in Campidoglio Davide Bordoni. Il Comune, da quanto apprende il Messaggero, è pronto a sospendere il progetto.
 

 

LEGGI ANCHE Roma, arresti stadio Tor di Valle: il Campidoglio sospende il progetto
LEGGI ANCHE Stadio Roma, Raggi: «Chi ha sbagliato pagherà»
LEGGI ANCHE Roma, notizie stadio rovinano le vacanze a Pallotta. Brusco risveglio in città
LEGGI ANCHE Roma, Baldissoni: «Gli arresti? Li abbiamo appresi stamattina dalle agenzie»
 


L'operazione dei carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Roma in esecuzione alla misura cautelare emessa dal gip di Roma nell’ambito dell’indagine coordinata dalla procura della Repubblica capitolina è scattata alle prime luci dell’alba quando mancano pochi giorni all'approdo in Assemblea capitolina della maxi-variante urbanistica, un provvedimento che avrebbe dovuto concedere ai proponenti migliaia di cubature in più rispetto a quanto previsto dal Piano regolatore generale, in un'area, quella di Tor di Valle, a forte rischio inondazioni. Il M5S, che pure nella campagna elettorale del 2016 si era opposto a questa controversa operazione calcistico-immobiliare, avrebbe voluto portare la delibera in Aula Giulio Cesare entro fine luglio, in tutta fretta, insieme alla convenzione urbanistica, in modo da far iniziare i lavori entro fine anno, come hanno chiesto più volte i privati.
 
 

Solo nell'ultima settimana in Campidoglio sono arrivati 31 ricorsi e atti di opposizione contro la variante, una pioggia di carte bollate che ha denunciato rischi di speculazione per l'aumento delle volumetrie e delle superfici commerciali dell'«Ecomostro» di negozi e uffici che nascerebbe accanto allo stadio, ma anche i pericoli per l'incolumità degli spettatori per la «mancanza di vie di fuga» adeguate e per il fatto che la variante al Prg sarebbe stata votata prima della bonifica dell'area, «in contrasto con quanto previsto dalla legge con il Piano di assetto idrogeologico», hanno scritto i ricorrenti.
 
Il progetto dello stadio a Tor di Valle, nato nella passata consiliatura a guida centrosinistra, prevedeva originariamente un milione di metri cubi di cemento in un'area destinata dal Piano regolatore a un parco attrezzato; lo stadio avrebbe rappresentato appena il 14% delle cubature, tutto il resto sarebbe andato a negozi, uffici, alberghi e ristoranti. La nuova amministrazione 5 stelle a febbraio 2017 ha trovato un accordo con i privati e ha ridotto parzialmente le volumetrie - che comunque superano ampiamente i limiti del Prg - e ha sforbiciato anche diverse opere pubbliche previste a carico dei proponenti. La conferenza dei servizi a dicembre aveva avallato il progetto con una sfilza di prescrizioni e richieste di modifica.

Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 00:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelle prime uscite dei figli e i genitori fantasmi della notte

di Raffaella Troili