Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il business illegale della canonizzazione: 25 arresti, 390 denunce e 7 milioni di oggetti sequestrati

Il business illegale della canonizzazione: 25 arresti, 390 denunce e 7 milioni di oggetti sequestrati
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Aprile 2014, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 19:08

Millecinquecento confezioni di "misericordina" sequestrate, ventitr bed and breakfast abusivi sanzionati, settecentomila effigi dei due Papi contraffatte:

è il bilancio degli ultimi controlli effettuati dalla Guardia di finanza a Roma in vista della doppia canonizzazione di domani di Giovanni XXIII e di Giovanni Paolo II. I controlli, in atto dall'inizio dell'anno, hanno già portato a 25 arresti e 390 denunce, nonchè al sequestro di sette milioni di oggetti contraffatti o pericolosi.

Le Fiamme gialle hanno scoperto una vera e propria centrale di «produzionè e smistamento della falsa misericordina», copia di quella distribuita in ventimila esemplari da papa Francesco all' Angelus del 17 novembre 2013: una scatolina simile a quella di un medicinale, con tanto di 'bugiardinì in quattro lingue, contenente un rosario con lo slogan '59 grani per il cuorè, destinata, nelle intenzioni del pontefice, ad incentivare l'abitudine alla preghiera e alla carità.

Pochi centri sono autorizzati a venderne altri esemplari, al costo di pochi euro ciascuno, a beneficio della Elemosineria apostolica che ridistribuisce i proventi a poveri e svantaggiati. In questo caso, invece, i proventi finivano nelle mani di due truffatori.

Due officine di 'produzione' sono state scoperte dai Finanzieri del I Gruppo Roma a due passi dal Vaticano, con 1.500 confezioni già pronte e destinate alla vendita ai tanti pellegrini che stanno già affluendo in Piazza San Pietro: tre euro all'una, esentasse e senza alcuna finalità benefica.

Scoperto anche, non lontano dalla stazione Termini, in via Turati, un negozio che faceva da centro di distribuzione di ogni genere di oggetto (calamite, quadretti, adesivi, braccialetti, orologi) dedicato alla canonizzazione dei due papi, pronti ad essere distribuiti ai venditori ambulanti: un centinaio di scatoloni contenenti circa 700.000 souvenir contraffatti con le immagini di papa Francesco, Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII con impressa, in evidenza, la data della canonizzazione del 27 aprile 2014. La merce sarebbe stata collocata ad un prezzo inferiore rispetto a quello dei prodotti originali, fruttando ai contraffattori non meno di 3.500.000 di euro. Due i commercianti cinesi denunciati.

Bed and Breakfast abusivi. Ed erano in centro, tra piazza di Spagna, stazione Termini e Vaticano, anche le 23 strutture ricettive sanzionate (su un campione di 53 soggette a controlli) perchè prive di autorizzazione, dotate di un numero di camere eccessivo rispetto alle tre previste dal tipo di struttura o perchè irrispettosi della normativa igienico-sanitaria e di quella fiscale. La guardia, assicurano le Fiamme Gialle, rimane altissima.

Federalberghi di Roma plaude alle operazioni condotte dalla Guardia di Finanzia contro centinaia di bed&breakfast abusivi nella Capitale. «Siamo orgogliosi di aver contribuito in maniera decisiva all'azione di controllo del comando provinciale della guardia di finanza di Roma - afferma il presidente, Giuseppe Roscioli - creando e mettendo a disposizione degli uomini delle fiamme gialle un innovativo software che ha permesso di incrociare i dati ed individuare tante strutture ricettive abusive o in odore di irregolarità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA