Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Marco Conti
Qui Montecitorio
di Marco Conti

Tra Conte e Renzi
una sfida
dove ne rimarrà uno solo

Tra Conte e Renzi una sfida dove ne rimarrà uno solo
di Marco Conti
1 Minuto di Lettura
Giovedì 7 Gennaio 2021, 12:23

ROMA Come nei film di Sergio Leone, alla fine del duello tra Giuseppe Conte e Matteo Renzi solo uno rimarrà vivo, politicamente s’intende. Ma se la politica è “sangue e merda”, come sostiene Rino Formica, l’epilogo cruento è scontato. Il leader di Italia Viva ritiene Conte non sia adeguato a gestire l’emergenza sociale ed economica post-pandemia ed infatti evoca sempre più spesso il nome di Mario Draghi. Un tecnico ma anche un uomo con forti rapporti internazionali certamente più solidi dell’attuale premier sul quale pesa quel “Giuseppi” di trumpiana memoria.

La coincidenza temporale tra lo showdown parlamentare tra i due e l’insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca non sembra casuale e dovrebbe interrogare anche quella parte del Pd ex “ditta” che si accinge a celebrare i cento anni della nascita del Pci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA