Marco Conti
QUI MONTECITORIO di
Marco Conti

Governo Draghi,
Lo scontro sui sottosegretari
svela le ansie dei partiti

Martedì 23 Febbraio 2021 di Marco Conti

 ROMA Alla fine deciderà Mario Draghi e tutti dovranno accettare, perché la vicenda dei sottosegretari non si risolve se si lascia la riffa in mano ai partiti in preda a contorsioni interne. 

Non aver digerito la scelta dei ministri - operata da Draghi in sintonia con il Quirinale - è uno dei problemi che ora sta creando forti contraccolpi. 

Il Pd è alle prese con le quote rose e un gruppo di “maschietti” che vorrebbe restare. Dentro Forza Italia la pattuglia degli ex sovranisti cerca di recuperare rispetto al format ministeriale,  ma i pretendenti sono tanti. Nella Lega stavolta Salvini prova a tenere fermi i suoi nomi, anche se sul sottosegretario al Viminale ha dovuto cambiare cavallo. Ma è, e oserei dire ovviamente, nel M5S che il caos raggiunge stratosferiche vette. Il reggente Vito Crimi regge sempre meno il suo ruolo. Per tranquillizzare i suoi ha dovuto cancellare il suo nome da sotto il ministero delle Giustizia, ma ciò non è bastato a frenare la contesa interna. Senza contare che i grillini non accettano il criterio di spartizione rivisto dopo la fuga di trenta parlamentari e che costa al Movimento un paio di poltrone in meno.

C’è poi il problema dei tecnici che Draghi vorrebbe inserire, ma che fatica a piazzare in quota dei partiti che non intendono mollare neppure uno strapuntino. Inoltre c’è da decidere chi fra i sottosegretari avrà poi la delega da viceministro. E anche in questo caso l’equilibrio non è semplice.

Il tutto svela le difficoltà che assediano i partiti e i rispettivi leader rispetto al nuovo corso e, forse, al nuovo equilibrio politico che seppur lentamente va emergendo.

Ultimo aggiornamento: 15:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA