Mostro di Loch Ness, prelevati campioni di dna nel lago: ecco cosa potrebbe essere

Giovedì 5 Settembre 2019

E se il mostro di Loch Ness fosse in verità un'anguilla gigante? È quanto affermano scienziati neozelandesi in uno studio di cui dà notizia oggi la Bbc online. Gli autori della ricerca hanno cercato di catalogare tutte le creature che vivono nel loch (lago in scozzese) estraendo il Dna da campioni di acqua. Le analisi hanno permesso di escludere la presenza di grandi animali che secondo alcune ipotesi potrebbero essere stati scambiati per la mitica creatura. E tanto più quella di un rettile marino preistorico come il plesiosauro. «Non abbiamo trovato alcuna prova della presenza di una creatura anche lontanamente legata al plesiosauro, quindi, mi dispiace ma un'idea del genere non regge», ha detto il prof.

Leggenda o realtà? Il mostro di Loch Ness avvistato e fotografato altre due volte

Neil Gemmell, genetista dell'università di Otago in Nuova Zelanda. Lo scienziato ha escluso anche la presenza di grandi tipi di pesci, come lo storione, che possano essere stati scambiati per Nessie, come il 'mostrò è stato battezzato. «C'è invece la presenza - aggiunge Gemmell - di una quantità molto significativa di anguille. Quindi, si tratta di anguille giganti? Beh, i nostri dati non rivelano le dimensioni, ma la stessa quantità del Dna ritrovato non ci fa escludere la presenza di anguille giganti, che potrebbero essere state scambiate per il mostro».
 

Ultimo aggiornamento: 17:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma