Covid, Cinzia Mattiucci: «Lettera anonima dopo la morte di mia madre, non perdonerò mai»

Covid, Cinzia Mattiucci: «Lettera anonima dopo la morte di mia madre»
3 Minuti di Lettura

La sua storia è finita sui media nazionali e sulla Rai. Ma non sembra essere finita lì. E’ la battaglia che sta portando avanti Cinzia Mattiucci per la perdita della madre Graziella, 83 anni, a causa del Covid-19 che non le ha dato scampo ed è deceduta a febbraio nell’ospedale di Giulianova. Mattiucci ha sempre messo in relazione il contagio della mamma a causa di una visita in uno studio medico dove non ci sarebbero state le misure previste dal protocollo sanitario anti Covid e con il medico che avrebbe tossito anche davanti a lei. Stessa sorte per Nicola Rapacchiale, 91 anni, di Giulianova, anche lui presente nello stesso studio quela giorno e deceduto sempre per Covid, una decina di giorni dopo e con entrambe le famiglie rimaste ugualmente contagiate per fortuna in maniera non grave.

Teramo, Santina stroncata dal Covid a 66 anni: si era sentita male Venerdì santo

Covid, muore l'ex direttrice scolastica Berarda Ciccocelli


Mattiucci ha annunciato di aver dato mandato all’avvocato giuliese Nadia Ranalli affinché si possa fare piena luce sulla vicenda e lo ha fatto anche a nome e per conto della famiglia Rapacchiale. Ma la storia si è arricchita di un altro particolare. Cinzia Mattiucci ha ricevuto una lettera anonima con sul retro della busta un logo dei testimoni di Geova e con all’interno un passo della bibbia che la invita a perdonare chi ha sbagliato. «Una lettera chiaramente anonima e intimidatoria - ha dichiarato Mattiucci - in quanto ho due fratelli testimoni di Geova, i quali hanno incarichi a livello nazionale, e qualcuno ha voluto “giocare” su questa affiliazione per invitarmi magari a non andare avanti con la denuncia e perdonare chi ha sbagliato. E’ un’ammissione di colpa perché può chiedere di essere perdonato solo chi ha sbagliato. Comunque, una cosa è certa, per quello che è stato fatto a mia madre, se verranno accertate responsabilità, si sappia fin d’ora che io non perdonerò nessuno, troppo grande è stato ed è il dolore che devo sopportare tutti i giorni quando vedo la stanze senza mia madre». 

Venerdì 7 Maggio 2021, 10:09 - Ultimo aggiornamento: 13:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA