Ambulanze in coda davanti al pronto soccorso: arriva la Polizia

Ambulanze in coda davanti al pronto soccorso: arriva la Polizia
di Manlio Biancone
3 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Novembre 2020, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 09:56

«Ieri mattina la situazione al Pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano è stata drammatica, una trentina di persone con sintomi da coronavirus in attesa e solo due medici presenti». E’ la denuncia di un operatore sanitario. Fuori sul piazzale anche tre ambulanze in fila in attesa del loro turno e due pattuglie della polizia che prestano servizio e assistono impotenti al via vai dei mezzi del 118. Da giorni l’ospedale di Avezzano è al collasso con un Pronto soccorso che riceve malati  Covid-19, con il rischio di contagare tutti.

Covid, muore a 63 anni per colpa del virus: l'impiegato dell'Inps era appena andato in pensione all'Aquila

«I reparti Covid sono pieni ed il Ps è diventato un parcheggio per questi pazienti anche per 3-5 giorni. Stiamo assistendo tutti, ma mancano medici e infermieri. Non ce la facciamo più a reggere». E’ il racconto di un medico. All’esterno é stata montata un tensostruttura, che avrà circa 25 posti di letto a disposizione per l’osservazione breve. Ancora non entra in funzione e ci vorranno giorni prima che venga utilizzata anche perché serve il personale medico e paramedico. I reparti rischiano di diventare tutti Covid: medicina dopo il contagio dei giorni scorsi non ricovera malati. Ieri per fortuna la curva dei contagi si è abbassata dopo l’esplosione dell’altro giorno: ad Avezzano i casi registrati sono stati 15 e il totale dei positivi da inizio emergenza pandemica sale a 826, con 766 contagiati attualmente positivi.

 

Negli altri paesi del territorio marsicano, a parte qualche caso, non sono stati registrati positivi al coronavirus. Continuano ad aumentare invece i decessi e ieri il bollettino regionale ne ha segnalati ancora tre: si tratta di un uomo e di una donna di Civitella Roveto, Antonio Pace, 72 anni e Teresa Iacobucci di 79 anni. Il terzo di Avezzano, E Frani di 90 anni. Tutti ricoverati in ospedale. A Castellafiume è deceduta Drosolina Maurizi, 87 anni che era stata dimessa da qualche giorno dall’ospedale. A Ovindoli il sindaco Simone Angelosante ha deciso di chiudere la scuola primaria fino al 20 prossimo dopo che sono stati trovati 19 positivi ai tamponi antigenici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA