Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nel Viterbese sagre per tutti i gusti: a Canepina i maccaroni, a Soriano e a Vetriolo il cinghiale

Un piatto di Maccheroni
di Carlo Maria Ponzi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 13:45

Sagre, che passione. Dopo due anni di stop per colpa del Covid-19, ritornano gli appuntamenti (1, 2, 3 luglio) della tradizione con i prodotti tipici e con i piatti dal sapore antico.

A Canepina, uno degli eventi più gettonati si svolge in Piazza I Maggio: la sagra dei Maccaroni, altrimenti conosciuto come Fieno canepinese. “Si tratta – scandiscono alla Pro loco - di un peculiare formato di pasta all’uovo lunga, ricavata da una sfoglia sottilissima e lavorata a mano, che si scioglie in bocca. Il condimento prediletto dei maccaroni è il sugo di carne tritata, ma viene proposto con tre diversi sughi: classici al ragù, all’Ernestina (pachino, guanciale e foglie di menta), ai funghi porcini. Da sapere che venerdì sera menù alla carta, sabato sera menù fisso; domenica pranzo e cena menù alla carta; apertura stand ore 19,30; Info 3389660717; 3278799985;

A Soriano nel Cimino (parcheggio Papacqua) la buona cucina locale torna ad essere protagonista grazie all’impegno delle associazioni locali, prima fra tutte “I cinghialari dei Cimini”. Menu a base di cinghiale, accompagnato dai classici strozzapreti (realizzati con un impasto di acqua e farina), spaghetti alla chitarra fino a new entry: apericena e street food (venerdì a cena: sabato e domenica pranzo e cena)

Il cinghiale bissa la sua presenza anche a Vetriolo, piccola frazione di Bagnoregio, dove la sagra è arrivata alla 20ma edizione (piazza Bonaventura Tecchi, apertura stand gastronomici alle ore 20). Gli organizzatori avvertono che “anche in questa edizione sarà proposto il servizio al tavolo su ordinazione da menù a base di cinghiale oppure da menù alternativo ed un originale spettacolo d’intrattenimento musicale”.

Oltre i maccaroni e piatti a base di cinghiale, a Bolsena torna “BeerRock”, la festa delle birre artigianali, organizzata dall’associazione “Bella Gente”, che ha scelto una cornice affatto suggestiva: il borgo medievale dominato dalla Rocca Monaldeschi della Cervara. Il primo e il 2 luglio, dalle 19.30, a due giorni di degustazioni, musica e street food. “Tra i vicoli e le piazzette del cuore di Bolsena – rivelano i componenti di Bella Gente - lungo un itinerario del buon bere, nove produttori locali proporranno le loro birre artigianali, con assaggi e degustazioni per far conoscere ai visitatori il mondo dei mastri birrai e i segreti per preparare una birra eccellente”.

In particolare la birra sarà accompagnata dai prodotti dello street food e da tanta musica rock dal vivo, con nove band pronte a riempire di note l’atmosfera. BeerRock ha il sostegno della Pro loco e il Comune di Bolsena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA