Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viterbese, in arrivo il nome del nuovo tecnico. Dal Canto saluta: «La squadra parte da una buona base»

Viterbese, in arrivo il nome del nuovo tecnico. Dal Canto saluta: «La squadra parte da una buona base»
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 06:43 - Ultimo aggiornamento: 19:46

«Non mi sono presentato a fare la rescissione con un altro contratto già in mano, pur avendo già avuto contatti con altre società. Anche se ha avuto un epilogo positivo, con la salvezza ottenuta ai playout, la stagione appena conclusa è stata pesante per tutti. Per cui, dopo una serie di riflessioni, ho ritenuto opportuno non continuare un altro anno con la Viterbese».

Alessandro Dal Canto commenta in questo modo la tua decisione di lasciare la squadra gialloblù, dopo la rescissione del suo contratto di giovedì sera. Alessandro Dal Canto non parla del suo futuro, ma è sul punto di accordarsi con la Carrarese. Il tecnico veneto nella stagione appena conclusa era stato esonerato dopo la sesta giornata di campionato, dopo aver ottenuto tre sconfitte e tre pareggi, per essere poi richiamato ad otto giornate dalla fine della stagione regolare prima di ottenere la salvezza nei playout con la Fermana. «Se la squadra fino a febbraio era ultima - commenta - più di un problema ce l'aveva e noi non siamo riusciti a risolverli. Quando sono stato richiamato ad otto giornate dalla fine della stagione regolare avrei potuto anche chiedere la rescissione del contratto e non tornare, perché la retrocessione sarebbe stata bruciante per la mia carriera di allenatore. Però mi sono preso questo rischio, lo meritava la squadra, i tifosi e il presidente che comunque ha fatto un grande sforzo nel mercato di riparazione. Rinforzarsi a gennaio, quando sei ultimo in classifica, non è affatto facile invece lui ha preso un direttore sportivo che ha lavorato benissimo».

Adesso si può dire, prima della doppia sfida nei playout con la Fermana, Alessandro Dal canto era sicuro che la Viterbese si sarebbe salvata. «Forse la squadra non era da quinto o sesto posto come si diceva durante la stagione - commenta - sicuramente non eravamo però nemmeno da retrocessione. Quindi ero sicuro che giocando come sapevamo fare ci saremmo salvati. È vero poi che nel calcio può sempre succedere di tutto e non c'è nulla di scontato, però ero sicuro che ce l'avremmo fatta anche dopo che eravamo stati sconfitti nella partita di andata a Fermo». Poi il saluto finale. «A Viterbo mi sono trovato molto bene - conclude - anche con la società mi sono lasciato benissimo e per cui faccio un grosso in bocca al lupo alla Viterbese per la prossima stagione. Ora non so quali siano i programmi della società, ma la squadra parte sicuramente da una buona base». Intanto a via della Palazzina sono ore decisive per la scelta del sostituto di Alessandro Dal Canto. Il nome del nuovo tecnico dovrebbe essere reso noto già nelle prossime ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA