Pronto soccorso, cambi al vertice: a Belcolle arriva Cipollone e a Tarquinia Angelini

Giovedì 21 Maggio 2020
Daniele Angelini
Cambio al vertice dei pronto soccorso di Belcolle e Tarquinia. A dirigere il reparto di emergenza del polo ospedaliero di Viterbo è arrivata la dottoressa Lorena Cipollone che ha vinto il bando emesso dalla Asl l’8 ottobre dello scorso anno. Con lei al colloquio del 16 gennaio si sono presentati altri due concorrenti: Daniele Angelini e Manuel Monti. Il primo, già responsabile del reparto, ha ottenuto un punteggio di 52,50, appena mezzo punto in meno della vincitrice. Il terzo classificato, Monti, si è invece fermato a 51,83.

Angelini da Belcolle si è spostato invece a Tarquinia: qui, infatti, è risultato vincitore dell’avviso a seguito di una selezione che si è svolta davanti alla commissione giudicatrice il 17 gennaio con un punteggio di 54,50. Dietro di lui, Cipollone con 53 e in terza posizione Aldo Taranto con 46,50.

Entrambi hanno assunto l’incarico il 16 maggio e resteranno direttori di struttura complessa per cinque anni, superato il periodo di prova di sei mesi. Per tutti e due, il compenso sarà di poco superiore ai 98mila euro all’anno. La dottoressa Cipollone è un nuovo acquisto della Asl di Viterbo. Sinora aveva lavorato a Roma, all’interno del Policlinico Umberto I, dove era impiegata sempre all’interno della Medici d’Urgenza.

Angelini, invece, è un medico già conosciuto ai pazienti della Tuscia, avendo ricoperto l’incarico di primario ad interim della medicina d’urgenza a Belcolle fino all’arrivo di Cipollone. Sotto la sua direzione, il reparto è cresciuto a livello di forza lavoro, con l'assunzione di medici e infermieri, e ha cambiato volto grazie a un investimento della Regione Lazio per modernizzarne gli spazi. Il nuovo responsabile del pronto soccorso di Tarquinia va a sostituire Paolo Brama. Ultimo aggiornamento: 22 Maggio, 08:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani