Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il convegno di Casapound in Comune, la protesta: «Fare soldi con gli immigrati? Falso, vogliono soltanto seminare odio»

La locandina del convegno di Casapound
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Dicembre 2019, 19:45 - Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 12:38

«Un'occasione per dare un messaggio pericoloso e per seminare odio». E' il commento dell'associazione viterbese di promozione sociale Kyanos, attiva in difesa delle donne e degli emarginati, sul convegno di Casapound in calendario il prossimo 13 dicembre nel capoluogo. L'appuntamento ha ricevuto dal Comune la disponibilità della prestigiosa Sala Regia del palazzo dei Priori, sede dell'amministrazione. 
 
L’associazione Kyanos, già attiva nella raccogliere la disponibilità dei viterbesi a ospitare temporaneamente richiedenti asilo e immigrati titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari, contesta l'impostazione degli organizzatori: «Dietro a ridondanti campagne politico-mediatiche contro il razzismo e per l'immigrazione senza limiti si cela un rendiconto pratico», hanno annunciato.

«Questo movimento che non dovrebbe nemmeno esistere, e della cui costituzionalità più volte si è discusso, invaderà la Sala Regia del Comune per presentare le proprie "idee" sul fenomeno delle migrazioni», sottolinea l'associazione Kyanos. «Che è da sempre impegnata nell'accoglienza, ma ahimè senza beneficiare dei lauti compensi che questi signori ritengono siano conferiti agli operatori del settore».

Secondo Kyanos l'appuntamento in Sala Regia «è fuorviante e pericoloso, perché certo contribuirà a inasprire gli animi, fornendo informazioni errate e veicolando messaggi di odio, intolleranza e violenza ben lontani dai valori della nostra carta costituzionale», 

© RIPRODUZIONE RISERVATA