George Clooney: «In Catch 22 la cosa più difficile è stato dirigere me stesso. Io presidente? No, mai in politica»

EMBED
George Clooney: "In Catch 22 la cosa più difficile è stato dirigere me stesso"
di Eva Carducci

Intervista a George Clooney alla presentazione a Roma di Catch 22, la serie da lui prodotta, diretta e intepretata e che andrà in onda su Sky dal 21 maggio.
Parla della stupidità della guerra, ancora una volta, dopo Three Kings, e Clooney nega per sé un futuro in politica: "Io presidente? No, ho altre qualità, cerco di sfruttare quelle. Girare in Italia è stato meraviglioso, a Cinecittà mi sento a casa. Questa è la mia seconda patria".

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani