Enrico Ruggeri: «Alma, il mio rock da cane sciolto»

EMBED
Si intitola Alma il nuovo disco di Enrico Ruggeri e di anime ne contiene parecchie, quella rock e da chansonnier, un po' di jazz alla Paolo Conte, lo street punk di Supereroi, titoli che omaggiano i libri L'amore ai tempi del colera e Cime tempestose. Il 4 aprile da Chiusi parte un tour doppio: acustico nei teatri, elettrico nei club. Resta il cantautore meno allineato, sempre alternativo, fin da quando era «punk prima di te», capelli ossigenati, occhiali bianchi.

Perché Alma è uno dei lavori più importanti?
«È il 35esimo, ho 61 anni, e ancora esercito in totale libertà, lavorando sui suoni. Ascolto la radio per capire cosa non fare e in studio abbiamo messo la stessa energia di un live».

Nel video di Come lacrime nella pioggia è tornato a Marotta, il luogo di Il Mare d'Inverno: perché?
«Fuori stagione è uno scenario apocalittico, perfetto per il brano che chiude con la frase del monologo di Blade Runner».

Leggi l'intervista completa sull'edizione odierna del Messaggero


LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Gli strapperei le braccia»: Dessì e la cura al malaffare

di Simone Canettieri