Achille Lauro: «La mia musica non è etichettabile, non ho paura di Sanremo»

EMBED
Meno di tre anni fa dormiva in macchina e tagliava cocaina in uno scantinato di periferia. Adesso è il principino della trap romana. Classe 1990, cresciuto a Vigne Nuove, Achille Lauro, al secolo Lauro De Marinis, come il transatlantico di cui ha preso il nome d’arte, si prepara a salpare per l’oceano del pop. Oggi esce la sua autobiografia  Io sono Amleto (Rizzoli), a febbraio lo vedremo sul palco di Sanremo, con il brano Rolls Royce (che però è rock’n’roll); in primavera arriverà il nuovo album di inedito, con Sony, a maggio il tour, che parte il 10 da Napoli. Non solo: c’è anche un documentario, Achille Lauro No Face 1. Anche se avete superato i 25 anni, da adesso in poi non potete più non sapere chi è.

Videointervista di Fiamma Sanò

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani