Salvini a Mondragone, ragazzo ferito alla testa: «Manganellate senza motivo»

EMBED
(LaPresse) Scoppia il caos all'arrivo di Matteo Salvini a Mondragone per un comizio a ridosso della zona rossa dove, nei giorni scorsi, si è sviluppato un focolaio di coronavirus. Molti manifestanti insultano il leader della Lega, impedendogli di parlare, e cantano "siamo tutti antirazzisti". La polizia carica alcune persone. Un giovane viene ferito alla testa da una manganellata. "Sono stato colpito senza motivo, stavamo arretrando. Loro non hanno un numero identificativo, impossibile riconoscere chi sia stato. Invece loro ti fanno violenza psicologica dicendoti: 'Sappiamo dove abiti'. Noi non siamo qui per questo", si è lamentato il giovane ferito.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani