CORONAVIRUS

Vacanze 2020 in Sicilia, la proposta di regalare una notte gratis ogni tre di soggiorno

Sabato 2 Maggio 2020 di Francesca Spanò
Vacanze 2020 in Sicilia, la proposta di regalare una notte gratis ogni tre di soggiorno

Una notte gratis ogni tre, per provare a far ripartire il turismo in Sicilia, ora che mancano davvero poche settimane alle vacanze estive 2020. L’iniziativa, resa nota da qualche giorno, è piuttosto interessante, tenendo conto che andranno ovviamente rispettate le regole di sicurezza necessarie a non far ripartire il contagio da Covid-19.
 
L’estate non aspetta
 
La proposta è della Regione Sicilia, per invogliare i visitatori a tornare e a scegliere un territorio che ha tantissime attrazioni diverse, tanto da sembrare un piccolo continente spalmato su nove province. Dai vulcani al mare, dai boschi ai paesaggi desertici, le peculiarità sono innumerevoli e, nonostante in questo periodo così particolare occorre valutare con poco anticipo quali spostamenti si possono effettuare, è comunque tempo di ricominciare a vivere. In più, bisogna rilanciare l’economia italiana a cominciare proprio dalle isole. Il settore, è sotto gli occhi di tutti, vive un periodo di grande sofferenza, tanto che le ricerche su internet sono diminuite del cinquanta per cento, ma le temperature in salita potrebbero far registrare una timida inversione di tendenza.
 
I dettagli
 
A rivelare i primi dati sulla questione, è stato l’assessore regionale al turismo Manlio Messina, il quale ha parlato di 50 milioni di euro messi a disposizione dall’amministrazione locale per incentivare gli arrivi nella Trinacria. Gli stessi che ora sono diventati 75 mln e serviranno per acquistare pernottamenti in hotel da offrire i viaggiatori, sempre con formula 3+1. Più la vacanza si allunga, dunque, e più si usufruisce di questo “premio”. Nel frattempo, si studiano altre alternative per avvicinare i turisti da tutto lo Stivale: dai musei, alle meraviglie isolane, diverse saranno le possibilità di avere sconti o biglietti gratuiti, ma ancora non si conoscono le formule eventualmente scelte per ottenerli. Il progetto dovrebbe partire subito, non appena ci sarà l’approvazione in Aula, per pacchetti che potranno essere sfruttati non prima di luglio/agosto o, forse, anche subito dopo.

Ultimo aggiornamento: 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA