Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il cardinale Marx possibilista sull'abolizione del celibato sacerdotale, avanza il fronte progressista

Il cardinale Marx possibilista sull'abolizione del celibato sacerdotale, avanza il fronte progressista
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Novembre 2020, 15:33 - Ultimo aggiornamento: 17:17

Città del Vaticano – Un pezzo da novanta del collegio cardinalizio, il cardinale tedesco Reinhard Marx, membro del consiglio di cardinali che guida il Papa sulla via delle riforme in curia – ha spezzato una lancia a favore dei preti sposati. «Perchè no?» 

Il tema tabù - che non appena si tocca fa aleggiare lo spettro di uno scisma nella Chiesa - è stato affrontato da Marx durante una cerimonia pubblica in Baviera, mentre parlava delle difficoltà che sta ultimamente incontrando l'istituzione ecclesiastica con il continuo calo delle vocazioni, le parrocchie senza sacerdoti e la diminuzioni dei nuovi preti. A suo parere il dibattito sulla vita sacerdotale potrebbe subire una accelerata anche per via del covid che di fatto, ha rafforzato il cammino di rinnovamento in corso in Germania dove, l'anno scorso, è stato avviato dai vescovi un percorso sinodale con l'obiettivo di avvicinare la Chiesa alla gente.

Non c'è Chiesa cattolica senza sacerdoti: ma come sarà il futuro dei sacerdoti? Forse avremo anche sacerdoti non celibi: perché no?». Poi il cardinale ha aggiunto che la Chiesa dovrebbe affrontare il tema e che l'interruzione obbligata di tante attività causata dalla pandemia potrebbe rappresentare una sorta di «pausa creativa» per vescovi e cardinali.

In Germania

In Germania non è il primo vescovo che interviene nel pubblico dibattito con l'obiettivo di rivedere il celibato sacerdotale. Il tema, tuttavia, è considerato altamente esplosivo perchè al momento la maggioranza del collegio cardinalizio è contraria a qualsiasi apertura. Papa Francesco aveva cercato di aprire una discussione per l'Amazzonia, visto che da tempo la Chiesa amazzonica è sofferente per la mancanza di missionari e sacerdoti. Al sinodo dedicato a questo enorme regione, grossa quasi quanto l'Europa per estensione, era stata avanzata la richiesta di esame.

Il confronto, tuttavia, si è chiuso ermeticamente a seguito della pubblicazione del libro del cardinale Robert Sarah e del Papa Emerito Ratzinger. Entrambi scrivevano che il celibato è indispensabile. Papa Francesco per non spaccare ulteriormente la Chiesa ha lasciato le cose come stavano. In prospettiva sarà però interessante vedere come evolve il dibattito in Germania e come questo dibattito verrà accolto da Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA