Uj19, tutti i concerti di domenica 14
con tanti gustosi appuntamenti free

Domenica 14 Luglio 2019 di Michele Bellucci
PERUGIA - Nella prima domenica di Uj19 il grande protagonista sarà Paolo Conte, che è pronto a tornare sul palco di Uj per celebrare con il pubblico all’Arena i “50 anni di Azzurro” (stasera alle 21.30 all'arena Santa Giuliana). La musica sarà nell’aria a partire dalle 11.30, con la prima street parade dei Funk Off in Corso Vannucci (l’altra alle 18.30). In via della viola come ogni giorno i due laboratori UJ4KIDS: alle 10.00 le lezioni di swing per bambini di tutte le età a cura del trombonista, trombettista, cornettista e cantante Michael Supnick. L’altro appuntamento, alle 11.15, vedrà prender vita una “fattoria musicale interattiva”, sotto l’esperta guida di Massimo Nunzi. Stessa location alle 18.00 per le lezioni di swing con Egle Miccoli e Ilario Ritacco. Sempre gratuiti i concerti ai Giardini Carducci che oggi prevedono: Michael Supnick feat. Red Pellini e Miss Faro (13.00 e 21.00), Alan Harris (15.00 con bis alle19.30), Bobby Broom Organi-sation (16.30 e in replica alle 23.00), Accordi Disaccordi (18.00), Wee Willie Walker & Anthony Paule Soul Orchestra (00.30). Live aperti al pubblico anche in Piazza IV Novembre dove sono attesi oggi la college band Aggie Music Project (19.00), Ray Gelato & Friends (21.00), prima della chiusura con l’americana Thornetta Davis, vincitrice di una trentina di “Detroit Music Awards” (23.00).

Alle 13.00 e alle 19.00 gli appuntamenti “Jazz, food & wine” alla Bottega del Vino, rispettivamente con l’esordiente a Uj Koku Gonza e il trio manouche piemontese, ormai di casa al Festival, Accordi Disaccordi; degustazione (di formaggi e vino) dopo il live di Veronica Swift accompagnata dal Benny Green trio all’Hotel Brufani, con inizio fissato per le 18.30. Alla Galleria Nazionale dell’Umbria, più precisamente in Sala Podiani, attesi oggi il blasonato pianista Fred Hersch in trio con il contrabbassista John Hébert e il batterista Eric McPherson (alle 12.00 e alle 15.30). Sul palco del Morlacchi alle 17.00 il sestetto B.A.M., ovvero il progetto di Marco Bardoscia, Rita Marcotulli e del quartetto cameristico Alborada, per presentare l’album “Trigono”. Sullo stesso palco ‘round midnight il doveroso tributo a uno dei più grandi personaggi della storia del jazz, il batterista Art Blakey, del quale quest’anno ricorre il centenario della nascita; a dare spettacolo saranno alcuni dei musicisti che hanno fatto parte dei suoi Jazz Messengers, il gruppo simbolo dell’hard bop, ovvero i sassofonisti Bobby Watson e Bill Pierce, il trombettista Brian Lynch, il pianista Anthony Wonsey, il bassista Curtis Lundy e, ai tamburi, Ralph Peterson Jr. Da segnalare infine le “selezioni viniliche” nel Chiostro di San Fiorenzo (via della viola) dalle 19.30 a mezzanotte e le jam session che scatteranno intorno a mezzanotte al Cinema Méliès, con la resident band composta da Piero Odorici, Daniele Scannapieco, Andrea Pozza, Aldo Zunino e Anthony Pinciotti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma