Il male sconosciuto di Momna, bambina di 4 anni: dal Pakistan a Foligno per individuare la cura

Il male sconosciuto di Momna, bambina di 4 anni: dal Pakistan a Foligno per individuare la cura
di Giovanni Camirri
4 Minuti di Lettura
Martedì 8 Dicembre 2020, 11:37 - Ultimo aggiornamento: 12:27

FOLIGNO - Parte da Foligno una operazione sanitaria e umanitaria, finalizzata ad aiutare una bambina di 4 anni che vive in Pakistan, gravemente malata per probabile malattia ematologica. Probabile perché si è in attesa di diagnosi certa. Dal Pakistan il quadro clinico della piccola, che si chiama Momna, è arrivato a Foligno nelle mani di Enzo Napoleoni, tecnico di laboratorio biomedico, che lavora in Anatomia Patologica all’ospedale “San Giovanni Battista” a Foligno. “Il referto sulle condizioni di Momna - spiega Napoleoni contattato da il Messaggero - è stato studiato dai colleghi del Laboratorio Analisi diretto dal primario dottor Silvio Canino e da una prima ipotesi non si esclude che possa trattarsi di una grave forma di malattia ematologica che necessita di essere trattata quanto prima. Subito Subito è nata spontaneamente una raccolta fondi per sostenere la piccola, che ha coinvolto i reparti di Anatomia Patologica e il Laboratorio Analisi”.

Vaccino, in Gran Bretagna prima dose a una 90enne: «Mi sento privilegiata»

Vaccino in GB, chi è Margaret Keenan, la 90enne prima vaccinata in Occidente

Catena umanitaria

Da Foligno è stata avviata una catena umanitaria per sostenere questa piccola paziente che vive una complessa situazione legata alla patologia che l’affligge e deve fare i conti, letteralmente parlando, con la sanità del Pakistan dove i costi sono totalmente a carico del cittadino. L’obiettivo di questo intervento sanitario è quello di portare la piccola in Italia ed in particolare, almeno in prima battuta, a Foligno per poi indirizzarla verso le strutture e i centri più idonei. Il tutto con un primo step esclusivamente sanitario teso a stilare una diagnosi certa rispetto alla patologia che affligge Momna. Solo così si potrà individuare il giusto percorso sanitario per curare la piccola. Le condizioni di Momna, stando a quanto si apprende, hanno subito un peggioramento che rende ancora più urgente la necessità di portarla quanto prima in Italia.

Per raccontare il calvario che Momna sta vivendo e le sue necessità, prime fra tutte quelle legate alle cure, è stata creata una pagina Facebook che si chiama “tutti insieme per Momna”. Attraverso quella stessa pagina, e anche contattando il numero di telefono cellulare 3205577145, si potrà chiedere come poter contribuire per aiutare la piccola di 4 anni al fine di darle il giusto sostegno per farla arrivare in Italia dove sarà curata. Ad accompagnarla in questo viaggio verso la speranza ci sarà anche un suo familiare.

Un gesto importante, quello avviato attraverso il contatto con Enzo Napoleoni, che ha poi coinvolto le dottoresse Anna Laura Baldoni biologa del Laboratorio analisi, e la dottoressa Katia Fancelli, avviando così la raccolta fondi spontanea al Laboratorio analisi e all’Anatomia Patologica. Un impegno di solidarietà che ha un valore importantissimo, soprattutto in questa fase segnata dalla Pandemia da Covid 19 dove la sanità pubblica è già pesantemente messa alla prova stando in prima linea. L’iniziativa per aiutare Momna ha dunque più alto soprattutto adesso con l’avvicinarsi del il Natale, il tempo per eccellenza di un dono d’amore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA