Focolaio Covid nel carcere di Orvieto. Positive 13 persone, attivati i protocolli di isolamento

Focolaio Covid nel carcere di Orvieto. Positive 13 persone, attivati i protocolli di isolamento
di Monica Riccio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Febbraio 2021, 11:14

Otto agenti della Polizia Penitenziaria, quattro detenuti e un medico del servizio di continuità assistenziale. Sono 13 in tutto, al momento, i casi di positività accertata al Covid-19 all'interno del Casa di Reclusione di Orvieto.

Dopo una prima attività di screening con utilizzo di tamponi antigenici rapidi, e l'aver rilevato le 13 posivittà, la direzione dell'istituto penitenziario, di concerto con il Dipartimento di Prevenzione, servizio di Igiene e Sanità pubblica e con il distretto di Orvieto dell'Azienda Usl Umbria 2 ha attivato immediatamente tutte le misure di prevenzione e protezione utili a circoscrivere la diffusione del contagio.

Nel tardo pomeriggio di sabato 20 febbraio sono stati quindi eseguiti i tamponi molecolari che hanno confermato l'esito dei primi controlli. «Sono quindi risultati positivi al Covid-19 - spiega una nota Usl Umbria 2 - otto agenti di custodia, sei di questi si trovano attualmente in isolamento domiciliare e due in caserma, un medico del servizio di guardia medica e quattro detenuti. Tutti i soggetti risultati positivi - continua la nota - sono totalmente asintomatici, soltanto un agente di custodia presenta un lieve stato febbrile. Al momento la situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla direzione sanitaria del carcere diretta dal dottor Giampaolo Piunno e dai professionisti del dipartimento di Prevenzione e del Distretto di Orvieto dell'azienda sanitaria.»

L'istituto di pena orvietano, diretto da Chiara Pellegrini, ha recentemente riconvertito grazie ad un restauro mirato la vecchia sezione del carcere a piccolo “reparto Covid” una sorta di zona ristretta in cui poter isolare gli eventuali casi accertati che non necessitano di cure particolari o i detenuti di ritorno dai permessi per i quali è prevista una breve quarantena o i nuovi ingressi in struttura. A Orvieto possono essere ospitati fino ad un massimo di 101 detenuti; a fine gennaio erano 69 le persone ospitate, di cui 37 di nazionalità straniera, 50 sono invece gli agenti destinati alla custodia dell'istituto e 23 gli impiegati civili che si occupano della amministrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA